Live Non è la d'Urso, Asia Argento attaccata da Sandra Milo: "Ma questa è partita!"

Live Non è la d'Urso, Asia Argento attaccata da Sandra Milo: 'Ma questa è partita!'
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Nella scorsa puntata di Live Non è la d'Urso, tra gli ospiti che hanno subito l'intervista con le agguerrite sfere c'è stata Asia Argento, che è tornata a parlare in diretta del caso Weinstein a causa di un attacco da parte di Sandra Milo.

Asia Argento ribadisce di non aver più fatto film insieme a Weinstein dopo il caso di stupro, ma Sandra Milo parte in quarta e senza dare ascolto ad Asia dice: "Io ti trovo una donna molto divertente, non trovo che sia coraggioso denunciare uno stupro dopo tanti anni e dopo che altri lo avevano già fatto. Inoltre, se un uomo ti ha stuprato perché ci fai un film insieme? Capisco che una possa anche andare con un uomo per interesse, perché è un attrice, l'ho fatto anche io probabilmente qualche volta…".

A quel punto Asia Argento, stufa di ascoltare il monologo della Milo, incurante del fatto che Asia stava cercando di replicare alle accuse a suo carico, sbotta e urla: "A’ bella, non li ho fatti! Qualcuno le può fare un briefing? A’ Sandra, non ci ho più lavorato, me senti? Vabbè questa è partita. Ma non sente?", domandando agli altri ospiti in studio se per caso Sandra Milo avesse problemi di udito.

E infatti è dovuta intervenire Eleonora Giorgi dalla sfera accanto a fermare il fiume in piena di Sandra Milo, dicendole: "Non li ha fatti più i film insieme a Weinstein dopo le accuse", e solo a quel punto Sandra Milo sembra placarsi cadendo un po' dal pero: "Ah non li ha fatti i film? E perché tutti dicono che li ha fatti?" , al ché Asia incalza "Eh, perché tutti dicono che li ha fatti,...informati, fatti fare un briefing. Ho fatto un film prima".

Intanto come avevamo annunciato Barbara d'Urso ha avuto un brutto incidente e nella puntata di domenica l'abbiamo vista con una fasciatura al braccio, infortunio che non ha impedito alla conduttrice di mettere sempre tutta se stessa nelle sue trasmissioni.

Quanto è interessante?
2