Martin Freeman fu vicinissimo a perdere il ruolo ne Lo Hobbit per girare la serie Sherlock

Martin Freeman fu vicinissimo a perdere il ruolo ne Lo Hobbit per girare la serie Sherlock
di

Non è raro, per gli attori dei un certo calibro, collaborare contemporaneamente a più produzioni, tanto sul piccolo quanto sul grande schermo: è questo il caso di Martin Freeman, che in una recente intervista a Vanity Fair ha rivelato di aver quasi perso il ruolo in Lo Hobbit a causa delle riprese in contemporanea con la serie BBC Sherlock.

Com'è noto, Freeman ha rivestito per ben 4 stagioni il ruolo del dottor John Watson, fedele amico ed aiutante di Sherlock Holmes, interpretato da Benedict Cumberbatch, con cui condivise anche il set sul secondo e terzo capitolo de Lo Hobbit, nonostante i dissapori tra i due fossero frequenti fuori e dentro le le produzioni

Adesso, in merito alle produzioni, l'attore rivela:

Ricordo di aver partecipato, come metà della Gran Bretagna, alle audizioni per Lo Hobbit. Quando arrivai nella sala prove trovai il biglietto di Guillermo del Toro, che a quel tempo era in lizza per dirigere il film, che diceva 'Martin, vogliamo che questa parte l'abbia tu'".

Purtroppo, al tempo le riprese di Sherlock erano entrate ormai nel vivo e, come lo stesso Freeman ammette, la BBC "non rese un gioco da ragazzi" far coesistere entrambi gli impegni.

Fortunatamente, dopo del Toro, subentrò alla sedia di regia Peter Jackson, il quale comunicò immediatamente all'agente di Freeman che avrebbe modificato le scadenze e le date delle riprese pur di averlo per il ruolo di Bilbo Baggins:

"Peter Jackson ha modificato le riprese de Lo Hobbit secondo i tuoi impegni, così che tu possa iniziare le riprese de Lo Hobbit, tornare sul set di Sherlock e poi terminare le scene del film.": queste, secondo Freeman, le parole concitate dell'agente alla notizia.

"Fu fantastico sentire una cosa del genere, perché voleva dire che [Jackson] si fidava davvero del mio lavoro. Avrebbe potuto avere milioni di attori al mio posto per Bilbo Baggins, ma il fatto che avesse così tanta fede in me fu una cosa che mi lasciò senza parole per lo stupore. Mi sento una persona estremamente fortunata, vorrò sempre bene a Peter per questo."

Tutto bene quel che finisce bene e anche se le speranze di una quinta stagione sembrino essere naufragate già da tempo, almeno sul set, il binomio Cumberbatch-Freeman sembra uno più riusciti del piccolo schermo.

FONTE: ds
Quanto è interessante?
2