Adesso online
Una nuova live didattica di SchiacciSempre

Martin Scorsese al lavoro su un serial incentrato sui governatori dell'antica Roma

di
Il regista statunitense si unirà allo sceneggiatore britannico Michael Hirst per un progetto televisivo che si focalizzerà sulla giovinezza e sulla vitalità di coloro che hanno governato l’antica Roma nel corso dei secoli. Dopo Boardwalk Empire - L'impero del crimine e Vynil, entrambe andate in onda sul canale via cavo HBO, Scorsese torna in tv.

Michael Hirst è conosciuto nel panorama televisivo per l’epica saga di Vikings, divenuta nel tempo una delle serie più popolari al mondo, e per l’altrettanto famoso serial I Tudors - Scandali a corte con Jonathan Rhys-Meyers nei panni del monarca Enrico VIII. Adesso Hirst e Scorsese uniranno le forze per dar vita ad uno dei progetti più ambiziosi dell’ultimo decennio, la trasposizione sul piccolo schermo degli imperatori romani.

The Caesars, questo il titolo scelto per il telefilm, racconterà, come già detto, la storia dei primi leader dell’antica Roma, iniziando con l’ascesa al potere di Giulio Cesare. La puntata pilota è stata già scritta, mentre il resto degli episodi della prima stagione sono stati già delineati. Il piano ideato sarebbe quello di dar vita ad un television drama di diverse stagioni. Le riprese di The Caesars dovrebbero partire nel 2019 e svolgersi nella nostra penisola.

Lo sceneggiatore Michael Hirst si dice entusiasta all’idea di poter lavorare con uno dei registi americani più importanti nella storia del cinema. La passione del premio Oscar per la storia incentrata sui Romani è da lungo tempo conosciuta, così come da anni aveva in mente l’idea di poter narrare queste vicende in uno show televisivo ad hoc. Il primo grande progetto per lo sceneggiatore inglese giunse nel 1998 con Elizabeth, pellicola in cui il ruolo della monarca appartenente alla famiglia Tudor era interpretato dal pluripremiato premio Oscar Cate Blanchett.

The Caesars partirà nel corso narrativo della prima stagione con uno sguardo più approfondito sulla vita del giovane Giulio Cesare. Queste le parole di Hirst:

Nei film di solito è un uomo di mezza età, in lotta con le complessità della politica. È un personaggio incredibilmente interessante e ambizioso fin da quando era più giovane. Diversi Cesari giunsero al potere in giovane età e non lo abbiamo mai visto sullo schermo. Tratterà dell’energia, della vitalità, dell’eccesso di una giovane cultura che viene guidata da personaggi non maturi. C’è qualcosa di stupefacente nella transizione dall'essere un regno relativamente piccolo al diventare una potenza mondiale all’interno di un periodo di tempo relativamente breve. Ciò non sarebbe potuto accadere se il governo fosse stato in mano a politici stanchi e vecchi e a guerrieri scialbi”.

Dopo la pellicola Netflix The Irishman i prossimi progetti del cineasta americano riguardano Killers of the Flower Moon, una pellicola incentrata sul 32° Presidente degli Stati Uniti Roosevelt ed un progetto non meglio precisato con l’attrice Sharon Stone.

Quanto è interessante?
2