Miguel Bosè shock: "Sono negazionista sul Covid e da sempre faccio uso di droghe"

Miguel Bosè shock: 'Sono negazionista sul Covid e da sempre faccio uso di droghe'
di

Dopo svariati anni di assenza dai media, Miguel Bosè torna a parlare in un'intervista che sta facendo molto discutere. Il celebre cantante ha infatti dichiarato di essere negazionista per quanto riguardo il Covid e di aver abusato di droghe per moltissimo tempo.

Sebbene Lucia Bosè sia morta di Covid, suo figlio Miguel si ostina a negare l'esistenza di questa pandemia: "Sono un negazionista e lo dico a testa alta... Mia madre? Non è stato il virus ad ucciderla".

Il cantante, che invita il giornalista a togliersi la mascherina mentre lo intervista, aggiunge poi: "Ad ucciderla è stato qualcos'altro... Se parlassi direi cose molto pericolose per chi doveva curarla. Si tratta di un piano escogitato".

Sul suo passato burrascoso rivela: "Ho iniziato a consumare stupefacenti dopo una delusione d'amore, negli anni 80, e ho smesso completamente solo pochi anni fa...Una sera chiamai alcuni amici e dissi loro: ho bisogno di fare festa. Ricordo il primo bicchiere, e poco dopo la prima striscia di coca. Gli effetti mi durarono una settimana. Pensavo che fosse una parte necessaria, legata alla creatività. Ma da un giorno all’altro le droghe smettono di essere tue alleate e diventano il tuo nemico. Fino al giorno in cui ho avuto la forza di dire basta. Non uscivo più nei locali, ma mi facevo lo stesso tutti i giorni. Sono arrivato a consumare quasi due grammi di cocaina al giorno, oltre a fumare marijuana e a prendere pastiglie. Solo sette anni fa ho smesso per sempre con tutta questa roba...".

Quanto è interessante?
2