Mike Tyson feroce sul biopic non autorizzato: "Hulu schiavisti, io un neg*o all'asta"

Mike Tyson feroce sul biopic non autorizzato: 'Hulu schiavisti, io un neg*o all'asta'
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Il leggendario quanto controverso pugile Mike Tyson si era già fatto sentire in passato, con parole tutt'altro che entusiaste, sul nuovo biopic Mike in arrivo su Hulu. Ma ora ha rincarato la dose sulla serie non autorizzata: "Hanno rubato la mia vita e neanche pagato. Hulu come gli schiavisti, sono un neg*o da vendere all'asta".

Le ultime notizie su un possibile film biopic su Mike Tyson risalivano al 2020, quando Jamie Foxx confermava che avrebbe interpretato il pugile in un nuovo progetto per il grande schermo. Ma nel frattempo, un nuovo titolo serial è apparso nel calendario Hulu, catalogo in sussidiaria a Disney+. Si tratta di Mike di cui avevamo visto il trailer e sulla quale, dispiace segnalarlo a così breve distanza dall’uscita, il pugile non aveva mai dato il suo consenso. Si tratta quindi di un biopic non autorizzato, che viene pubblicizzato dai creatori proprio con l’intenzione di raccontare la storia del pugile “in modo imparziale, lasciando agli spettatori la libertà di decidere cosa pensare e cosa non pensare su di lui”.

La serie sarà vietata ai minori, segno che ripercorrerà ovviamente le molte vicissitudini del pugile al di fuori del ring. Ma ora è proprio Tyson a farsi sentire con un durissimo post instagram, che trovate in calce all’articolo: “Non lasciatevi ingannare da Hulu. Non sostengo la loro storia sulla mia vita. Non è il 1822. È il 2022. Hulu è la versione in streaming del padrone degli schiavi. Hanno rubato la mia storia di vita e non mi hanno pagato. Per i dirigenti di Hulu sono solo un neg*o che possono vendere all'asta”.

Questo post fa seguito a un precedente in cui Tyson ha elogiato il presidente dell'UFC Dana White per essersi presumibilmente rifiutato di promuovere la serie Hulu: "Hanno cercato di pagare disperatamente milioni a mio fratello Dana White, senza offrirmi un dollaro, per promuovere la storia della mia vita da parte del loro padrone di schiavi. Ha rifiutato perché onora l'amicizia e tratta le persone con dignità. Non dimenticherò mai quello che ha fatto per me, proprio come non dimenticherò mai quello che Hulu mi ha rubato".

All’indomani dell’annuncio della serie, questa la prima uscita pubblica di Tyson sulla questione: "L'annuncio di Hulu di realizzare una miniserie non autorizzata della storia di Tyson senza compenso, sebbene una sfortuna, non mi sorprendente. Questo annuncio sulla scia delle disparità sociali nel nostro paese è un ottimo esempio di come l'avidità aziendale di Hulu abbia portato a questa appropriazione indebita culturale sorda della storia della vita di Tyson. Fare questo annuncio durante il Black History Month non fa che confermare la preoccupazione di Hulu per i dollari rispetto ai diritti delle storie nere. Hollywood deve essere più sensibile alle esperienze dei neri, soprattutto dopo tutto ciò che è accaduto nel 2020".

Che ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Quanto è interessante?
3