Montalbano morirà? Ecco cosa ne pensa Luca Zingaretti

Montalbano morirà? Ecco cosa ne pensa Luca Zingaretti
di

Quella tra Zingaretti e Montalbano è un sodalizio artistico e quasi sentimentale che va avanti ormai da vent'anni: era il 1999 quando la Rai cominciò a produrre la serie ispirata ai romanzi del maestro Camilleri, e da allora il binomio costituito dall'attore e dal personaggio non si è mai scisso.

Il momento, però, sembra avvicinarsi inesorabile: con la morte di Camilleri avvenuta lo scorso anno sembra infatti inevitabile che tocchi andare incontro in tempi relativamente brevi anche alla scomparsa del suo personaggio più conosciuto e amato.

Una questione con cui si potrebbe dover fare i conti proprio nel prossimo episodio di Montalbano e sulla quale lo stesso Zingaretti sembra avere le idee piuttosto chiare: "Non ci sarà nessun spargimento di sangue né un decesso naturale del personaggio, quanto una scomparsa 'metaletteraria'" ha dichiarato l'attore, facendo riferimento anche agli sviluppi che potrebbe presentarci un romanzo postumo di Camilleri.

"Il romanzo è bellissimo, ha un colpo di scena fantastico. C’è una crisi profonda tra Livia e Montalbano, i due si lasciano. La Rai ha deciso di mandarlo in onda più avanti, nella speranza che poi si accodi un altro episodio, o altri due, o magari altri tre. So per certo che c’è ancora un romanzo di Camilleri Il cuoco di Alcyon, non ancora utilizzato. Camilleri non ne ha mai parlato con nessuno, forse solo con Elvira Sellerio. Ho letto in giro che a un certo punto del romanzo Montalbano si rivolge al suo autore, in un dialogo quasi metafisico. Ma sono notizie che ho raccolto, personalmente non ne so nulla" ha spiegato Zingaretti.

Nell'attesa di saperne di più, intanto, possiamo goderci la registrazione di una lettura di Camilleri in sostegno dello Spallanzani.

Quanto è interessante?
1