Ecco tutte le morti descritte nell'episodio di The Walking Dead intitolato What We Become

Ecco tutte le morti descritte nell'episodio di The Walking Dead intitolato What We Become
di

La tredicesima puntata di questa decima stagione ha permesso il ritorno di molti personaggi di The Walking Dead e ci ha permesso di fare un sanguinoso tuffo nel passato.

Un passato che potremmo definire alternativo, dato che tutte le vicende rivissute da Michonne sono state frutto della sua immaginazione. Virgil, che si è rivelato essere un personaggio particolarmente disturbato, le ha infatti somministrato delle sostanze stupefacenti che le hanno provocato allucinazioni ed incubi. Lo scopo di Virgil era quello di farle comprendere il suo dolore, ma il risultato è stato quello di averle fatto capire che la realtà da lei vissuta è stata la migliore possibile. Un Siddiq immaginario l'ha quindi riportata indietro nel tempo e la mente di Michonne le ha messo di fronte una serie di conseguenze legate a delle scelte alternative, relative a molti personaggi del passato:

  • Andrea: se nel finale della seconda stagione scoprivamo dell'esistenza di Michonne proprio attraverso il salvataggio in favore di Andrea (effettuato facendo a fette i non morti che le si erano avventati addosso), qui vediamo una Michonne più spietata, che lascia Andrea al suo destino e se ne va per la sua strada, accompagnata dai suoi leali "zombie ammaestrati". Andrea diventa quindi preda dei non morti e successivamente vediamo il suo cadavere in uno stato irriconoscibile. Non un bello spettacolo.
  • Laura: la sottoposta di Negan, che nella realtà si è poi redenta, viene qui uccisa da Glenn quando il team di Rick si infiltra in un avamposto dei Salvatori.
  • Glenn: dopo aver ucciso Laura si dirige insieme ad Heat verso il letto di Michonne, ora alleata di Negan. La spietata assassina si accorge però della loro presenza e li uccide entrambi sparando loro con una pistola.
  • Michonne: in una scena che punta molto sull'atmosfera allucinatoria, vediamo riproposta la terribile sequenza iniziale della stagione 7, nella quale Negan aveva ucciso Glenn e Abrham. Questa volta il villain porge l'imbattibile Lucille alla stessa Michonne, che si diverte a torturare il gruppo di Rick, per poi decidere di frantumare il cranio di... Michonne. La versione "dark" uccide quindi la versione reale.
  • Michonne parte 2: assistiamo anche alla morte della Michonne cattiva. Si ritrova infatti nel bosco e, dato che è passata dalla parte di Negan, deve affrontare Daryl. Il personaggio interpretato da Norman Reedus riesce a sorprenderla sparandole una freccia con la sua balestra. A finire il lavoro arriva niente meno che Rick Grimes, il quale le punta la pistola contro e spara. Il gioco di squadra vince sempre.

Ciascuna di queste allucinazioni serve a far capire che se Michonne avesse scelto la via della violenza e della mera sopravvivenza, senza curarsi di aiutare il prossimo, avrebbe perso una parte importante della sua vita. Aver dato fiducia ai suoi compagni l'ha portata lontano, e proprio in virtù di questo deciderà, nel finale della puntata, di aiutare due sopravvissuti in difficoltà e di unirsi al gigantesco gruppo che si dirige verso nord.

Il personaggio ha inoltre scoperto che Rick Grimes è vivo, anche grazie a delle particolari scritte su di uno smartphone.

FONTE: comicbook
Quanto è interessante?
1