Paolo Borsellino, il film TV con Giorgio Tirabassi e le differenze con la storia vera

Paolo Borsellino, il film TV con Giorgio Tirabassi e le differenze con la storia vera
INFORMAZIONI SCHEDA
di

In occasione dell'anniversario della scomparsa di Paolo Borsellino, avvenuta il 19 luglio del 1992, questa sera su Canale 5 va in onda su Canale 5 la fiction Rai che vede Giorgio Tirabassi nei panni del Giudice e racconta quindici anni di lotta alla mafia.

Affresco di una parte importante della storia d'Italia, nel quale viene tratteggiata anche la normalità del Magistrato e la sua vita in famiglia, con la moglie e i suoi figli, la prima parte della miniserie (intitolata semplicemente Paolo Borsellino) si conclude con il maxi processo di Palermo, mentre la seconda è dedicata agli ultimi mesi di vita di Borsellino, ovvero i mesi in cui il giudice cercava di svolgere il suo lavoro il più in fretta possibile, sapendo di avere i giorni contati.

Inevitabilmente, il film televisivo presenta alcune differenze con i fatti realmente accaduti. Vediamo le principali:

Nella storia non viene tratta la figura di Rita Atria, importante testimone di giustizia che Borsellino incontrò nel 1991 e denunciò i mafiosi che avevano ucciso il fratello e il padre, e che si suicidò una settimana dopo la strage di Via D'Amelio.

Nella miniserie sono presenti diverse piccole incongruenze, come il colore dei capelli di Emanuela Loi (neri invece di castani) e i baffi di Ninni Cassarà e Beppe Montana (il primo dovrebbe averli, il secondo no), ma il vero e proprio errore riguarda Manfredi Borsellino, il quale viene rappresentato come un adulto quando nel 1980 aveva appena 9 anni.

Durante l'attento a Falcone, inoltre, l'autista Costanza viene rappresentato come un membro della sua scorta, armato e con indosso un giubbotto antiproiettile, mentre in realtà si trattava di un autista civile del Ministero di Grazie e Giustizia.

Paolo Borsellino, lo ricordiamo, andrà in onda su Canale 5 dalle ore 21.20. In ricordo del Giudice, su Rai Movie sarà trasmesso Era d'estate con Beppe Fiorello.

Quanto è interessante?
1