Principe Harry: la rinuncia al cognome reale non è un insulto alla Regina

Principe Harry: la rinuncia al cognome reale non è un insulto alla Regina
di

La rinuncia al cognome reale da parte di Harry non deve essere stato un bel regalo di compleanno per la Regina Elisabetta, che ha raggiunto la veneranda età di 94 anni.

In seguito alla separazione con Meghan Markle, il principe e l'ex moglie hanno deciso di cambiare vita. Si sono trasferiti a Los Angeles, hanno rinunciato al profilo social "reale" che avevano in comune, e in questo periodo stanno trascorrendo la quarantena con il figlio. Harry ha poi voluto prendere ulteriormente le distanze dalla Corona firmando alcuni documenti con il nome di Prince Charles Albert Duke of Sussex, omettendo quindi il cognome che gli era stato imposto dalla Regina.

Secondo quanto riportato da una fonte ad Us Weekly, il principe vorrebbe semplicemente essere conosciuto come Harry, in maniera più informale. Si sarebbe però premurato di far sapere alla nonna che la famiglia Reale è ancora il suo mondo e continua ad avere un gran significato per lui.

Probabilmente la sua scelta è stata quindi dettata dalla volontà di costruirsi una vita indipendente, senza essere costretto a far pesare costantemente il valore del suo sangue blu. Tra il principe e la regina c'è sempre stato un rapporto cordiale, e sicuramente avranno trovato il modo per appianare le eventuali divergenze.

Elisabetta II ha tenuto un discorso per far sentire la sua vicinanza alla popolazione in questo difficile periodo. Intanto Carlo e Camilla hanno festeggiato il loro anniversario a Birkhall.

Quanto è interessante?
2