Netflix

La casa di carta 5 è inevitabile, vi spieghiamo noi il perché

La casa di carta 5 è inevitabile, vi spieghiamo noi il perché
di

Netflix non condivide i dati di visualizzazione ed è ormai cosa nota, ma se guardiamo la Top 10 dei titoli più visti del momento, la riuscita La casa di carta 4 è già in cima alla classifica appena due giorni dopo l'uscita, seguita per altro al secondo posto da un documentario dedicato al fenomeno culturale sempre legato alla serie spagnola.

In termini di diffusione e successo, la serie creata da Alex Pina è un fenomeno e un caso studio, e anche se regia, montaggio e qualche trovata legata ai piani del Professore sono più che discreti e intrattengono a modo, interpretazioni e troppe linee di dialogo lasciano perplessi e amareggiati. E questo purtroppo è vero dalla prima alla questa parte dello show (o seconda parte della seconda stagione che dir si voglia).

L'elemento critico non sembra comunque guastarne la forza mediatica e incidere sull'amore che il grande pubblico prova per la creatura spagnola, divenuta presto evento internazionale da aspettare con morbosa impazienza. E La casa di carta 4 con gli ultimi tre episodi ha onestamente alzato un po' di più l'asticella dell'hype degli spettatori. Non solo infatti lascia morire in uno straziante addio l'adorata Nairobi e mette in scena il salvataggio di Lisbona in un nuovo e articolato piano organizzato in pochissime ore (che ha per altro destabilizzato opinione pubblica e polizia), perché la stagione si chiude in un modo assolutamente insoddisfacente in termine di risoluzione narrativa, anche se estremamente piacevole e d'impatto.

Questo perché la Banda non porta a termine il piano e resta ancora bloccata all'interno del Banco di Spagna. Gandia è prigioniero ma vivo, il tendone della giustizia è nel caos più totale, Lisbona si unisce ai ragazzi direttamente sul campo e il Professore subisce uno scacco matto dalla Regina della squadra avversaria, la pericolosa Alicia Sierra, che gli punta una pistola alla testa dopo averlo braccato nel suo nascondiglio.

C'è una sensazione di irresolutezza che rende ogni piccolo frammento di chiusura dell'episodio finale de La Casa di Carta 4 parte integrante di un gigantesco cliffhanger il cui climax deve essere per forza di cose smorzato con una quinta parte (o prima parte della terza stagione). Dato il successo in crescita esponenziale della serie, l'affetto del grande pubblico e delle idee che effettivamente ci sono (pur ingarbugliate e rovinate da una scrittura non sempre all'altezza), il ritorno de La casa di carta con una nuova stagione è praticamente inevitabile.

Questione di tempo. Forse solo di un anno. Forse poco di più. Ma la Banda non va da nessuna parte. Vedrete.

Quanto è interessante?
2