Rian Johnson spiega perchè era necessario osare con Gli Ultimi Jedi

Rian Johnson spiega perchè era necessario osare con Gli Ultimi Jedi
di

Rian Johnson, regista di quello che è probabilmente il capitolo più discusso dell'intera saga cinematografica di Star Wars (anche più di Episodio I... forse), Gli Ultimi Jedi, è noto per aver osato parecchio in termini narrativi e tonali. Adesso, in un'intervista, spiega perché è stato necessario agire in questo modo.

C'è chi si lamenta del trattamento riservato ad alcuni personaggi. C'è chi si sente tradito nelle aspettative. C'è chi dice che sia tutta una questione politica. C'è chi... Insomma, avete capito l'antifona: di motivi per non farsi piacere l'ultimo lungometraggio ambientato nell'universo di Star Wars, giustificati o meno che siano, non sembrano certo mancarne.

Tuttavia, il regista de Gli Ultimi Jedi, Rian Johnson, torna a difendere le scelte, da molti additate come troppo audaci e drastiche, fatte in fase di creazione e realizzazione della pellicola.

"Credo che nel momento in cui inizi a pensare in termini di come fare per non oltrepassare i limiti dei film originali, tu non stia ragionando allo stesso modo di come ragionarono i creatori di quelle pellicole. Loro si spingevano oltre con ogni film, oltrepassavano il confine e spingevano anche i personaggi verso realtà nuove, sorprendenti ed emotivamente oneste. È per questo che quei film sono grandiosi. È per questo che sono vivi. Se si fossero semplicemente limitati a guardarsi indietro, a ciò che era stato fatto prima, e a dire 'Oh, faremmo meglio a non fare così, perchè potremmo superare questo o quel limite', sarebbe stato tutto diverso" avrebbe affermato durante un'intervista.

Sta di fatto che la Lucasfilm deve aver comunque gradito la prestazione di Johnson e del suo Star Wars, dato che sembrano essere ancora in piedi i progetti della nuova trilogia con lui al timone, sempre ambientata nel mondo creato da George Lucas.

E voi cosa ne pensate? Condividete il pensiero del regista? Fateci sapere nei commenti.

Quanto è interessante?
8