Ryan Murphy: chi è il creatore di Hollywood, la nuova serie Netflix

di

Il 1° maggio terminerà il conto alla rovescia per il debutto su Netflix della prossima serie tv di Ryan Murphy, in collaborazione con Ian Brennan. La miniserie Hollywood è solo l'ultimo lavoro realizzato da Ryan Murphy, uno degli autori televisivi più originali e brillanti degli ultimi anni. Per l'occasione ripercorriamo un po' la sua carriera.

Cresciuto a Indianapolis in una famiglia cattolica irlandese, Ryan Murphy inizia la sua carriera come autore esattamente vent'anni fan, scrivendo il teen-drama Popular, insieme a Gina Matthews; la storia di due studentesse agli antipodi, Brooke (Leslie Bibb) e Sam (Carly Pope), costrette a vivere insieme quando i due genitori single si conoscono e iniziano a convivere.
Il grande successo arriva nel 2003, quando crea la serie drama thriller a tinte erotiche, Nip/Tuck, che segue la vita di due chirurghi plastici di Miami, Sean (Dylan Walsh) e Christian (Julian McMahon).

Debutta al cinema nel 2006 ma il successo gli arride soprattutto televisivamente. Tre anni più tardi è tra i produttori di Glee, serie tv che si concentra sulle vicissitudini di una giovane compagnia di canto.
Da sempre attento alle tematiche legate all'omosessualità, nel 2014 gira il film The Normal Heart, che si concentra sulla diffusione dell'AIDS negli anni '80.
Ma è di tre anni prima il suo più grande successo: nel 2011 scrive e produce la serie di culto antologica American Horror Story, che in quasi un decennio di stagioni ha conquistato, tra alti e bassi, il pubblico di tutto il mondo. Nel 2016 ritenta l'avventura con una serie antologica, passando dall'horror al crime, con American Crime Story, di cui ha prodotto sinora due stagioni.
La serialità antologica sembra essere un format a lui molto caro, visto che lavora allo show Feud, dove racconta la rivalità tra Bette Davis e Joan Crawford, interpretate da Susan Sarandon e Jessica Lange, sua attrice feticcio in AHS.
Negli ultimi anni trova ottimi riscontri la serie Pose, che attraversa in maniera trasversale l'ambiente di New York negli anni '80. Meno fortuna ha invece The Politician, creata con Brad Falchuk e Ian Brennan. Ora è la volta di Hollywood, ambientata nel secondo dopoguerra, quando un gruppo di registi e attori tenta di farsi strada nel mondo dello spettacolo.

Su Everyeye trovate il trailer di Hollywood e gli splendidi poster in bianco e nero della serie di Ryan Murphy.

Quanto è interessante?
1