La scena post-credit di Stranger Things 3 potrebbe nascondere una sorpresa

La scena post-credit di Stranger Things 3 potrebbe nascondere una sorpresa
di

Prendendo esempio da ciò che accade con i migliori film del Marvel Cinematic Universe Stranger Things 3 ci ha lasciato di che discutere per mesi con la sua scena post-credit. Le teorie su quanto ci viene mostrato in quei pochi istanti spuntano come i funghi, ma quale di queste è la più plausibile?

L'ipotesi più quotata, naturalmente, è che l'Americano di cui parlano i russi sia nient'altri che Jim Hopper, sopravvissuto all'esplosione del macchinario ad Hawkins. La morte di Hopper in effetti non ci viene mostrata, e lo sceriffo potrebbe quindi esser stato catturato dai sovietici dopo esser stato catapultato altrove in qualche modo.

Un'altra teoria riguarda invece Bob, il compagno di Joyce tragicamente morto alla fine della seconda stagione a causa dell'aggressione di un Demodog. Certo, le possibilità che l'ipotesi si riveli giusta non sembrano poi così tante: la morte di Bob l'abbiamo vista eccome, e le sue interiore fatte a brandelli non lasciavano intravedere speranze di sopravvivenza.

Qual è allora il terzo indiziato ad essere il Mister X in questione? Alcuni fan non hanno dubbi: si tratterebbe del dottor Brenner, l'uomo che durante la prima stagione ha condotto i terribili esperimenti sui poteri psichici di Eleven. Sulla sua morte (in teoria avvenuta per mano del Demogorgone) si erano effettivamente sollevati dei dubbi durante la seconda stagione, e non sarebbe un'ipotesi implausibile quella di vederlo prigioniero dei russi e costretto magari a condividere con loro le sue scoperte.

Le teorie su ciò che vedremo durante la prossima stagione di Stranger Things, comunque, non finiscono qui: alcuni fan hanno addirittura visto la possibilità di un collegamento diretto con gli eventi di Chernobyl.

Quanto è interessante?
5