Sex and the City: nel terzo film doveva esserci la morte di Mr. Big

Sex and the City: nel terzo film doveva esserci la morte di Mr. Big
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Dopo sei stagioni televisive e due film, Sex and the City si è arenato sul terzo capitolo cinematografico, inizialmente pensato ma poi messo definitivamente da parte. I motivi della scelta parrebbero legati alle frizioni fra Kim Cattrall e il resto delle protagoniste dello show. Ora emergono nuovi interessanti dettagli sulla trama prevista.

Secondo quanto riporta un podcast di Origins, nel terzo film di Sex and the City, affossato anche dal pessimo risultato al botteghino del primo sequel, lo script avrebbe previsto la morte di Mr. Big (Chris Noth).
Proprio questo snodo chiave della trama avrebbe convinto Kim Cattrall a non firmare. Big sarebbe dovuto morire nella doccia a causa di un attacco cardiaco e il resto del film si sarebbe concentrato sul lutto di Carrie (Sarah Jessica Parker), lasciando poco a Samantha e alle altre amiche.
Secondo le voci raccolte dallo stesso interprete di Big, Chris Noth, la sceneggiatura del terzo film era nettamente superiore ai primi due film, mai apprezzati dall'attore:"Ho pensato fossero troppo sentimentali ed esageratamente romantiche. Ho odiato tutta quella serie di cose melense".
Sex and the City è stato uno degli show più celebrati a cavallo fra gli anni '90 e primi anni '00. Basata sul romanzo omonimo di Candace Bushnell, la serie racconta la quotidianità e l'amicizia di quattro donne single che vivono a New York; Carrie (Sarah Jessica Parker), Charlotte (Kristin Davis), Miranda (Cynthia Nixon) e Samantha (Kim Cattrall).
Figura maschile di riferimento per il personaggio di Carrie, protagonista principale e colei che traina gli episodi con la sua voce narrante, è Mr. Big (Chris Noth), il suo interesse amoroso basilare.
Fenomeno glamour del piccolo schermo, Sex and the City ha visto poi due trasposizioni cinematografiche negli anni successivi, il primo uscito nel 2008 e il secondo nel 2010.

Quanto è interessante?
0