Sex Education 3, Mimi Keene rivela qual è stata la scena più imbarazzante da girare

Sex Education 3, Mimi Keene rivela qual è stata la scena più imbarazzante da girare
di

La terza stagione di Sex Education è arrivata su Netflix, e con lei anche tante scene tanto assurde quanto complicate da girare... Ma sorprendentemente, se chiedete a Mimi Keene, non sarà una scena legata al sesso che vi svelerà essere la più imbarazzante che ha girato.

L'interprete di Ruby in Sex Education ha infatti rivelato che la scena più imbarazzante da girare per lei è aveva a che vedere con tutt'altro.

"C'è stata questa scena in cui Ruby dovrebbe arrotolare la canna. L'ho dovuto fare io, ma Ruby ha delle unghie davvero lunghe, ed erano previste delle inquadrature parecchio ravvicinate" ha spiegato l'attrice in una recente intervista "Però sono lì che ci provo lo stesso, cercando di far sembrare che ci so fare. Ma così tante di queste mi vedevano provare e riprovare ad arrotolarla senza successo, continuavo a strappare tutto e dire 'Oh, per la miseria!'".

"Così alla fine ho deciso di tenerla in mano e far finta che fosse tutto ok. Ho dovuto fingere un po. È stato piuttosto imbarazzante. Decisamente divertente però" ha poi ammesso "Eravamo alla fine di una giornata molto lunga, e un po' deliranti a quel punto, quindi è andata bebe così"

Se non altro, la riuscita della scena in quel caso non dipendeva da una capra...

"Come sarebbe andata a finire quel giorno, dipendeva tutto da lei" ha raccontato invece la co-star di Keene, Aimee Lou Wood, che parlando dell'evoluzione del personaggio di Aimee in Sex Education, ha fatto riferimento anche alle scene con la nuova guest star dello show, la capra Folly "Perché onestamente, non avevo alcun controllo su di lei. E non volevo! Volevo che fosse lei a guidarmi nella scena in cui dovevo portarla fuori, ma questo voleva dire anche che ci sarebbe voluto più tempo!".

Se volete sapere cosa ne abbiamo pensato dei nuovi episodi, qui trovate la nostra recensione della terza stagione di Sex Education.

FONTE: DigitalSpy
Quanto è interessante?
2