Sherlock, Martin Freeman sulla quinta stagione dello show

Sherlock, Martin Freeman sulla quinta stagione dello show
di

Anche Stevan Moffat lo aveva detto in precedenza: la quinta stagione di Sherlock non è momentaneamente in programma. Ma mai dire mai nel mondo delle serie tv... Martin Freeman spiega come e perché, secondo lui, potremmo rivedere o meno Sherlock e Watson in tv.

in un'intervista con Collider, Freeman ha dato degli aggiornamenti sulle possibilità di una quinta stagione del popolare show della BBC, spiegando che molto ha a che fare con gli impegni di tutti, tra la nuova serie in lavorazione per Moffat e Gatiss, Dracula, e la salvezza del mondo che dipende in gran parte dall'operato di Cumberbatch e lo stesso Martin nei prossimi film Marvel.

"Finora ci sono state solo alcune sporadiche discussioni al riguardo, perché Mark [Gatiss] e Steven [Moffat], così come Benedict [Cumberbatch] e io, siamo abbastanza fortunati da stare lavorando a qualcosa che ci piace e per cui abbiamo grande interesse. E poi siamo perfettamente consapevoli di cosa sia Sherlock. Non guardi in bocca a caval donato, perché queste cose non accadono molto spesso nella vita. È un grandissimo successo, e si è rivelato molto più di quello che avremmo potuto immaginare".

Non solo, ma non sarebbe giusto nei confronti di nessuno affrettare i tempi, o voler continuare forzatamente in mancanza di materiale meno che eccezionale: "Il modo in cui si è conclusa la storia, nell'ultima stagione, è sembrato come se ci fosse non dico un punto, ma almeno un punto e virgola o dei puntini di sospensione. Ha dato la sensazione di essere una pausa. Non ci sembrava qualcosa che potevamo riprendere così facilmente dopo un anno e dire 'Hey gente, siamo tornati'. Vista l'importanza, non volevamo essere superficiali. Non credo fosse la fine, ma la verità è che non lo so perché non siamo io e Ben a scrivere la serie. Sono un grande sostenitore del fermarsi quando senti che sia arrivato il momento. Se hai detto quello che volevi dire, scendi dal palco, e abbi il coraggio di andartene. E non so se c'è ancora qualcosa che vogliano dire".

Ma se le giuste condizioni si dovessero verificare...

"Se è qualcosa di davvero, davvero speciale, e se si tratta di qualcosa di davvero coinvolgente e interessante, allora credo che saremmo aperti a un ritorno. Sherlock ha sempre avuto una portata da evento, comunque. Abbiamo fatto tre episodi a stagione, e nonostante fossero episodi lunghi, da 90 minuti, erano comunque pochini e molto distanziati tra loro, almeno secondo gli standard televisivi. Normalmente, ci si aspetterebbe almeno 10 o 8 episodi. Noi ne abbiamo fatti relativamente pochi, anche se il materiale era tanto. È sempre sembrato un evento, quindi se ne faremo altri, devono essere all'altezza. Non possiamo tornare con qualcosa che sia soltanto discreto. Dovrebbe essere davvero, davvero speciale. È questo il tipo di show [che abbiamo fatto finora]".

E allora, fan di Sherlock, non ci resta che sperare nel genio creativo degli autori, e in un allineamento di pianeti tale da permettere a cast e crew di sincronizzare le proprie agende.

FONTE: Collider
Quanto è interessante?
6