Lo showrunner dell'Arrowverse mette fine alla polemica sul logo della Crisi

Lo showrunner dell'Arrowverse mette fine alla polemica sul logo della Crisi
di

La tanto attesa Crisi è ormai arrivata e passata, lasciandosi alle spalle fan perlopiù esaltati da quanto visto nel crossover e un Arrowverse che, inevitabilmente, non sarà più lo stesso. A mente più o meno fredda, però, qualcuno ha pensato bene di riaprire una polemica che sembrava ormai alle spalle.

Come alcuni di voi sicuramente ricorderanno, infatti, molti fan dell'universo targato The CW ebbero parecchio da ridire sulla prima versione del logo ufficiale di Crisi sulle Terre Infinite, che includeva praticamente tutti gli eroi che avrebbero preso parte al crossover meno il più amato in assoluto, nonché quello da cui nacque l'intero Arrowverse: l'Arrow di Stephen Amell, appunto.

La polemica sembrava essersi sgonfiata quando la produzione diffuse una versione aggiornata del logo che includesse anche Arrow, ma la curiosità di conoscere i motivi dell'iniziale esclusione ha portato alcuni fan a chiedere spiegazioni allo showrunner Marc Guggenheim, che tramite Twitter ha spiegato: "Inizialmente mi fu detto che solo gli attori che sarebbero apparsi in tutte e cinque le ore avrebbero dovuto essere presenti nel logo. Stephen, come sapete, non sarebbe stato presente in tutte le ore (una cosa che all'epoca non potevo spoilerare). Successivamente i nostri legali trovarono una soluzione che ancora oggi non comprendo appieno, ma sono contento che l'abbiano fatto".

Guggenheim ha anche svelato il destino di uno degli universi visti nell'Arrowverse dopo la Crisi; sempre lo showrunner ha poi fatto alcune ipotesi su un futuro crossover dell'Arrowverse.

FONTE: Comicbook
Quanto è interessante?
2