Lo showrunner di Star Trek: Picard anticipa novità sul futuro della serie

Lo showrunner di Star Trek: Picard anticipa novità sul futuro della serie
di

La prima stagione di Star Trek: Picard si dipana attraverso una serie di sottotrame, ma è evidente che gli eventi ruotino intorno a un asse principale: quello della missione di salvataggio romulana. In attesa della seconda stagione, lo showrunner della serie Michael Chabon anticipa che il racconto non è concluso.

Gli eventi della serie spin-off che ha visto il ritorno in scena di Sir Patrick Stewart nel ruolo di Jean-Luc Picard prendono il via dalla distruzione del pianeta Romulus nel 2387. I successivi tentativi della Flotta Stellare di salvare il popolo romulano, e i loro fallimenti, sono stati ripetutamente rivisitati (visivamente e verbalmente) nel corso della stagione. Ma c'è ancora qualcosa da raccontare.

Rispondendo dal suo account Instagram alle domande dei follower, infatti, Michael Chabon ha lasciato intendere che nella seconda stagione di Star Trek: Picard la missione di salvataggio romulana avrà ancora spazio. A un fan che gli chiedeva se il racconto sarebbe andato ancora più in profondità in questa direzione, lo showrunner ha risposto: "In un certo senso."

Nella stagione appena terminata, Jean-Luc Picard ha cercato di salvare sia i Romulani sia i Sintetici; abbiamo appreso quanto fosse violenta l'insurrezione sintetica; abbiamo scoperto un retroscena sulla storia Romulana legato all'Ammonizione e al Giorno dell'Annichilimento. La tregua tra Sintetici e Zhat Vash è quindi, probabilmente, soltanto temporanea.

Michael Chabon potrebbe inoltre aver anche spoilerato un ritorno di Seven of Nine.

FONTE: comicbook
Quanto è interessante?
1