Netflix

Una star di Stranger Things credeva che la serie sarebbe stata un disastro

Una star di Stranger Things credeva che la serie sarebbe stata un disastro
di

A distanza di mesi dall'uscita della terza stagione, Stranger Things continua ancora a essere una delle serie dal maggiore appeal mediatico. A parlare nuovamente dello show ideato dai fratelli Duffer, ci ha pensato l'attore David Harbour con alcune dichiarazioni sull'inaspettato successo che è stato raggiunto.

Dopo il debutto della prima stagione avvenuto nel 2016, Stranger Things è diventato immediatamente uno dei prodotti di punta all'interno del catalogo di Netflix. L'ambientazione anni '80, la colonna sonora e le costanti citazioni vintage hanno fatto si che diventasse una delle serie più iconiche di questi ultimi anni caratterizzati dal ritorno in auge del decennio pop per eccellenza.

Ma per Harbour questo successo, confermato recentemente dal trionfo di Stranger Things ai People's Choice Awards, non era affatto scontato. Anzi, l'attore, intervenuto durante il Late Show di Stephen Colbert, era convinto che la serie sarebbe stata un grandissimo fallimento e che non avrebbe avuto chance di emergere.

Ecco le sue parole pronunciate durante il programma televisivo:

"Ero sicuro che sarebbe stato un disastro totale e un grande fallimento prima dell'uscita" poi ha aggiunto anche in modo ironico "Ricordo quando stavamo facendo le riprese e ci siamo tutti insieme per discutere di quanto terribile sarebbe stato, sopratutto per via della mia prova".

Tra il serio e il faceto, dunque, l'interprete dello sceriffo Jim Hopper ha espresso le sue sensazioni sul successo dello show. Dopo che il colosso dello streaming ha annunciato che la terza stagione è la più seguita di sempre, è arrivata anche la tanto attesa notizia che ha fatto la felicità dei fan dello show: l'annuncio di Stranger Things 4. Infine, se volete sapere quali celebri opere anni '80 e '90 saranno omaggiate nella nuova stagione, potete leggere la lista dei film sulla quarta stagione di Stranger Things.

FONTE: Digitalspy
Quanto è interessante?
4