di

Continuiamo a parlare dell'ottima Stranger Things 3 dei fratelli Duffer, per cui Netflix continua - come suo solito - una campagna promozionale sul territorio italiano davvero centrata ed efficace, proponendo questa volta ai suoi abbonati e fan una piccola masterclass sul cinema horror anni '80 da parte di Dario Argento.

L'autore di capolavori del genere quali Suspiria o Profondo Rosso ci parla così di quegli anni, che definisce "meravigliosi e strani", dove comunque il cinema di genere e soprattutto horror e fantascientifico si esprimeva al suo meglio. I mostri degli anni '80, per Argento, "venivano creati per spaventare il pubblico" che però "ne rimaneva puntualmente affascinato", spiegando come forse lo spettatore avesse bisogno di provare "emozioni nuove", che è poi una delle caratteristiche che ha reso immortali gli anni '80 del cinema.

Discutendo dei più grandi, Argento parla di John Carpenter, Tobe Hooper, George Romero, passando poi a individuarne le vibrazioni in Stranger Things, che definisce "una serie interessante e anche inquietante, strano misto tra horror e sci-fi". Poi ammette: "Se l'avessi girata io negli anni '80 avrei messo più sangue, avrei fatto comporre musica con punti drammatici e con molti jump scare". Ma l'autore continua anche in altre osservazioni, come potete vedere nel video.

Stranger Things 3 è disponibile su Netflix.

Quanto è interessante?
5