Stranger Things, perché Finn Wolfhard non vuole più recitare in un film Marvel?

Stranger Things, perché Finn Wolfhard non vuole più recitare in un film Marvel?
di

Finn Wolfhard, protagonista di Stranger Things, ha recentemente rivelato di aver cambiato idea a proposito di una sua eventuale partecipazione a un film della Casa delle Idee, spiegando come la piega presa dai cinecomic nell’ultimo periodo abbia raffreddato il suo desiderio di entrare a far parte del franchise del Marvel Cinematic Universe.


Dopo aver mostrato un’interessante foto dal set di Stranger Things 5, torniamo a parlare dell’interprete del fortunato show Netflix per riportare le sue dichiarazioni nel corso di un’intervista con Vanity Fair.


Nel video, in cui le sue parole sono messe alla prova dall’uso della macchina della verità, all’attore è stato chiesto se avesse mai desiderato prendere parte a un film del Marvel Cinematic Universe: “Sì, in passato sì”.


La fredda risposta del giovane interprete è stata completata dalla rivelazione di non aver chiesto una mediazione in questo senso a Paul Rudd, in quanto, a suo modo di vedere, ultimamente i film Marvel non sarebbero riusciti a raggiungere un livello qualitativo eccezionale.


L’ennesima dimostrazione di una disillusione per il genere che sembra sempre più diffusa nell’ambiente hollywoodiano dopo le parole di Kristen Stewart e dei veterani MCU Gwyneth Paltrow e Robert Downey Jr.


In attesa di capire se Wolfhard possa di nuovo cambiare idea e di scoprire quali saranno i suoi progetti futuri una volta finita la serie creata dai fratelli Duffer, vi lasciamo a un articolo che analizza tutte le teorie su Stranger Things 5.

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi