E dopo The Big Bang Theory cosa c'è nel futuro dei ragazzi del cast?

E dopo The Big Bang Theory cosa c'è nel futuro dei ragazzi del cast?
di

Il giorno è infine arrivato: dopo 276 episodi, con l’epilogo di un’ora si chiuderà l’era di The Big Bang Theory. E mentre i fan si chiedono se vedranno finalmente l’ascensore riparato o scopriranno il cognome di Penny, si fa strada un’altra domanda, ben più importante.

Che ne sarà degli attori del cast? Quando, e dove, si potranno rivedere i volti dei ragazzi che ci hanno tenuto compagnia per dodici anni? Prima di salutarli, quindi, diamo un’occhiata ai progetti futuri del cast di The Big Bang Theory.

Johnny Galecki, smessi i panni di Leonard Hofstadter, riprenderà quelli di David Healy, ex marito di Darlene, per la seconda stagione di The Conners, lo spin-off di Pappa e Ciccia. La serie andrà in onda in autunno su ABC.

Melissa Rauch, entrata nella serie e nella vita di Howard dalla terza stagione nei panni di Bernadette, ha da poco finito di girare The Laundromat con due grossi nomi come Maryl Streep e Steven Soderbergh alla regia. In tv apparirà nel 2020 in alcuni episodi della serie comedy Black Sunday di Showtime.

La neurobiologa Amy Farrah Fowler, ovvero Mayim Bilalik, non ha ancora progetti ben definiti. “Che sarà della mia vita? Dove mi porterà la carriera?” ha scritto recentemente sul suo blog. Intanto presterà la sua voce a una macchina del tempo nel film The Inspector Chronicles, una sorta di parodia di Doctor Who.

Anche dei progetti di Simon Helberg si sa ben poco. Che stia aspettando, dopo aver portato via un sovenir dal set, la chiamata per uno spin-off dedicato ad Howard Wolowitz? Il suo inseparabile amico Raj (Kunal Nayyar) sarà tra i doppiatori di Trolls 2, ma non lo rivedremo per un po’: ha dichiarato di avere intenzione di tornare in India per trascorrere un periodo con la famiglia.

Il doppiaggio è anche nel futuro di Kaley Cuoco. La voce di Harley Quinn nell’omonima serie animata DC sarà infatti quella di Penny. Ha inoltre acquisito i diritti del romanzo The Flight Attendant di Chris Bohjalian per adattarlo in una miniserie.

Infine Sheldon Cooper: Jim Parsons è ancora produttore esecutivo e narratore dello spin-off Young Sheldon, ha diversi progetti in corso con Netflix (tra i quali la serie Special con Ryan O’Connell), e ha recentemente firmato per una versione cinematografica di The Boys in the Band, pièce di Broadway considerata un caposaldo del teatro LGBT.

Ognuno per la sua strada quindi, ma gli attori resteranno per sempre legati, come hanno detto anche i creatori della serie in un'intervista.

FONTE: E!
Quanto è interessante?
8