The 100 Stagione 7: cosa non ha funzionato nel finale di serie?

The 100 Stagione 7: cosa non ha funzionato nel finale di serie?
di

The 100 è andata in onda per la prima volta nel 2014 e all'epoca Jason Rothenberg, il creatore, aveva promesso al pubblico una serie tv distopica carica di azione e dramma postapocalittico in grado di sensibilizzare su ciò che la Terra ci ha sempre dato e su ciò che l’uomo sta distruggendo.

Purtroppo, però, la serie tratta dall’omonima saga di romanzi di Kass Morgan, si è prolungata talmente tanto da perdere il suo obiettivo primario e trasformandosi in un classico viaggio da parte di alcuni personaggi alla ricerca di un luogo che non esiste. Insomma, da prodotto potenzialmente originale è diventato un altro classico spettacolo sci-fi.

I problemi sono stati numerosi, quindi cerchiamo di analizzarli tutti brevemente. In primo luogo, dei 100 giovani mandati sulla Terra all'inizio dello show, alla fine ne sono rimasti davvero pochi. Ciò che ha dato il titolo a questo prodotto e che ha permesso di mettere in mostra il suo elemento innovativo principale è iniziato a venire meno già nel momento in cui gli altri esseri umani presenti sull’Arca sono scesi sulla Terra. Si trattava di un elemento narrativo potenzialmente interessante che ha finito per distruggere la trama trasformando la presenza degli "estranei" come una scusa per continuare una lotta infinita. A questo si collega la scomparsa di molti protagonisti nel corso delle stagioni e l’entrata in scena di nuovi personaggi che hanno reso sempre più difficile affezionarsi al loro passato e provare empatia per loro.

Ci sono stati problemi anche con la protagonista della serie, Clarke Griffin (Eliza Taylor), la quale inizialmente sembrava essere destinata a grandi cose dato che portava con sé il peso di molte vite rubate. Purtroppo, però, questo peso si è progressivamente trasformato in una scusa da rimarcare ogni volta che doveva scegliere chi salvare e chi uccidere per il bene dell’umanità.

La debolezza del personaggio ha portato Octavia Blake (Marie Avgeropoulos) a sostituirsi a Clarke come leader. Era stata presentata come una donna dal carattere così forte da far sembrare inutile ogni sforzo di creare altri personaggi che potessero tenerle testa. Purtroppo, però, anch'ella è stata la salvezza e anche la rovina definitiva di The 100, perché dopo la sua evoluzione da giovane insicura a regina di sangue, l'evoluzione degli altri personaggi è stata resa inutile e insignificante.

Verso il finale, infine, The CW si è resa conto che doveva concludere la serie ma lo ha fatto in modo frettoloso riducendo al minimo i momenti di profondità nelle relazioni tra i vari personaggi. Tutto è stato lasciato al caso con pochi momenti di logica.

A voi è piaciuto il finale della serie? Ditecelo nei commenti. In ogni caso, nel corso delle 7 stagioni abbiamo osservato numerose vicende, e una delle più dolorose di The 100 fu quello di Lexa. Vi lasciamo con chi secondo noi sono i 5 personaggi principali di The 100 e su quale è la migliore stagione di The 100 secondo i fan della serie.

Quanto è interessante?
3