The Big Bang Theory: i personaggi della serie dal peggiore al migliore

The Big Bang Theory: i personaggi della serie dal peggiore al migliore
di

Mentre i fan sperano che The Big Bang Theory possa ritornare con reunion o altri spin-off, una cosa che sicuramente sarà difficile da dimenticare è la minuzia con cui Chuck Lorre è riuscito a ritagliare uno spazio per diversi personaggi, dai principali ai secondari, e a dare loro una storia e un background più o meno approfondito.

Oggi siamo qui per valutare l'impatto dei personaggi sulle varie stagioni di The Big Bang Theory: cercheremo di elencarne il maggior numero possibile, tenendo conto di quelli che almeno sono riusciti in qualche puntata ad avere uno sviluppo durante l'arco narrativo della serie, partendo dai peggiori, per arrivare ai migliori. Iniziamo subito.

Molti di voi ricorderanno l'incredibile talento di Barry Kripke (John Ross Bowie) di risultare fastidioso per la maggior parte del tempo che si è trovato a interagire con i protagonisti della serie, soprattutto nei confronti di Sheldon (Jim Parsons): rivali accademici, Barry per più di una volta ha provato a giocare a Sheldon dei tiri mancini, come nell'episodio nove della terza stagione, La formula della vendetta, quando Kripke ha messo dell'elio nell'ufficio di Sheldon, mettendolo in imbarazzo durante un'intervista alla radio pubblica. Molto presente nelle prime stagioni, inizia con il tempo a diventare un personaggio molto più sporadico. Ottiene una parziale redenzione quando, nel ventiquattresimo episodio dell'undicesima stagione, L'asimmetria della farfalla, decide di dedicare alla neo coppia di sposi Sheldon e Amy (Mayim Bialik) una versione molto particolare di At Last, di Etta James. Troppo poco per candidarsi per una posizione migliore, soprattutto considerando che nell'ultima stagione tornerà a giocare dei brutti scherzi alla banda.

Tra le tante ragazze di Raj (Kunal Nayyar), una delle più durature, ma anche decisamente più inquietanti, è stata la dottoressa Emily Sweeney (Laura Spencer), dermatologa con la passione dei film horror e delle esperienze sopra le righe. Non ha mai davvero cercato di legare con gli amici di Raj, specialmente con Penny (Kaley Cuoco), con la quale ha avuto più di uno screzio. Troppo diversi anche i caratteri del timido Raj e della prorompente Emily. Hanno rotto dopo due stagioni, ed è stato meglio così. Nonostante le sfortune del suo personaggio, non si può dire lo stesso dell'attore, che continua la sua brillante carriera: Kunal Nayyar prenderà parte alla seconda stagione di Criminal.

Sheldon sappiamo bene che ha una sua lista dei nemici. E da questa lista ha continuato a entrare e uscire ininterrottamente anche Wil Wheaton, il Wesley Crusher di Star Trek: The Next Generation. La storia di odio e amore tra Wil e Sheldon inizia sin dal quinto episodio della terza stagione, Il corollario del rivestimento raccapricciante, dove entrambi partecipano a un torneo de I Guerrieri Mistici di Ka Ah. Da quel momento, la loro relazione passerà dalla grande amicizia alla rivalità intensa, a seconda dei momenti. Se per Sheldon è rimasto imperdonabile lo sgarbo di Wil di aver preso i panni del Professor Proton, successivamente Wil si prende la briga di officiare il matrimonio tra Sheldon e Amy, anche se verrà sostituito da Mark Hamill, e noi siamo contenti di questa scelta.

Un personaggio che invece è entrato nei nostri cuori è senza dubbio Stuart Bloom (Kevin Sussman), il gestore del negozio di fumetti frequentato dai nostri beniamini. Inizialmente molto imbranato e decisamente stralunato, con il tempo abbiamo iniziato ad apprezzare la sua stranezza e il suo attaccamento agli amici che, anche loro in un primo tempo restii ad accettarlo, finiscono per includerlo nella loro compagnia. E avrà anche un risvolto positivo amoroso: dopo anni di sfortune, l'incontro con la sua assistente di negozio Denise (Lauren Lapkus), gli permetterà di incontrare la sua anima gemella. Una parabola fantastica.

Una donna molto particolare, ma anche molto simpatica, la signora Debbie Wolowitz (Carol Ann Susi), è stata senza dubbio una delle protagoniste "mai viste" delle prime stagioni. Molto attaccata al suo Howard (Simon Helberg), accetterà a fatica anche la sua nuora (Melissa Rauch), costruendo un rapporto. Venuta a mancare l'attrice prematuramente, la serie ha deciso di non "mostrare" più il suo personaggio, seppur sempre rimasto invisibile e facendoci sentire solo la sua voce strillante, morto anche sulla scena e portando a un grande momento di crescita per Howard. Tra alti e bassi, amavamo la signora Wolowitz, e ci mancherà sempre.

C'è poco da dire che non sappiamo già sui personaggi principali della serie, quindi ci sentiamo di elencarne velocemente pregi e difetti, per cercare di "classificarli" (anche se, a nostro parere, chi più e chi meno, i sette protagonisti sono tutti allo stesso livello). Bernadette è una madre amorevole e una donna davvero forte, in grado di gestire la sua carriera e l'eterno bambinone Howard senza battere ciglio, ma a volte i suoi commenti e annotazioni sulla vita degli altri ci sono sembrati un po' perfidi e sopra le righe. Stesso discorso sarebbe valido per Penny, un grande emblema di carisma, ma a volte poco riflessiva, il che l'ha messa più volte nei guai. Raj si è sempre dimostrato un amico fedele, ma chi non ha storto il naso quando è finito a letto con Penny, da poco mollatasi con Leonard? Forse il suo problema con le donne era più grande della sua capacità di risolverlo fino in fondo. Sicuramente, Howard è ritenuto uno dei personaggi più simpatici della serie, ma condivide con Bernie la sua poca attenzione ai commenti fatti nei confronti degli amici, e gode decisamente di poca pazienza. Amy è sempre stata adorabile, ma più di una volta ci siamo chiesti se la sua rottura iniziale con Sheldon (per poi rimettersi insieme poco dopo), fosse stata giusta nei suoi confronti. Leonard ha avuto l'onore e soprattutto l'onere di badare a Sheldon per larga parte della serie, ed è stata la sua spalla più fedele, ma spesso le sue insicurezze hanno rischiato di rovinare i suoi rapporti con gli altri. E, infine, Sheldon, che è Sheldon, nel bene e nel male. Non ci sentiamo davvero in grado di stilare una classifica dei nostri protagonisti preferiti, ma abbiamo cercato di mostrarne più sfaccettature, per aiutare una possibile valutazione su chi sia davvero il personaggio migliore della serie. Per noi, chiunque è stato insostituibile.

E voi che ne pensate? Chi sono i personaggi migliori, e chi i peggiori della serie? Fatecelo sapere nello spazio commenti!

Quanto è interessante?
5