The Boys: per Antony Starr il suo Homelander è un po' il papà dei Sette

The Boys: per Antony Starr il suo Homelander è un po' il papà dei Sette
di

Nel suo approccio al genere supereroistico The Boys non poteva fare meno di contare su un personaggio come Homelander, la fusione di due icone come Superman e Captain America in salsa psicopatica resa su piccolo schermo da Antony Starr.

Parlando con Collider della prima stagione dello show, l'attore ha detto la sua sulla complessità del personaggio e sul rapporto con i Sette, il team di super controllato dalla Vought International e guidato dallo stesso Homelander.

"Ho sempre pensato che Homelander tenesse a questo persone come alla sua famiglia" ha detto Starr durante l'intervista. "Maeve è assolutamente un'alcolizzata, ma non ha iniziato così. La sua storia è come un avvertimento per Starlight, però non era partita così. Lei ha iniziato come giovane dagli occhi brillanti, e voleva fare del bene. Uno dei temi della serie è il potere della corruzione. Queste persone arrivano, con dei superpoteri, supertalentuosi e super capaci, e vogliono fare del bene, ma poi la fama, la celebrità e l'adulazione finisce per corromperli."

Starr vede i Sette come una grande famiglia disfunzionale, con Homelander che ricopre il ruolo di padre/punitore: "Per come sono disfunzionali, penso che Homelander li veda tutti come dei piccoli bambini. Io l'ho sempre pensata così. Loro sono la sua famiglia, e se qualcuno tocca la sua famiglia lui piomberà su di loro come un muro di mattoni. Nella famiglia Homelander è il papà, e se devono essere rimproverati, allora saranno rimproverati duramente, come nel caso dei personaggi che hanno commesso degli errori, secondo lui, e ne hanno pagato le conseguenze. Ma Homelander li vede come una famiglia dinsfuzionale."

Lo show è stato già rinnovato per una seconda stagione (guardate la prima immagine dal set), mentre i primi episodio sono attualmente disponibili su Amazon Prime Video. Per saperne di più potete dare un'occhiata alla nostra recensione di The Boys.

Quanto è interessante?
1