The Boys: sul costume di Homelander molta più CGI di quanto credete

The Boys: sul costume di Homelander molta più CGI di quanto credete
di

Non sempre l'effetto speciale fisico può essere la soluzione. Fra i tanti, ce lo ha insegnati bene Herogasm di The Boys, che come alert riportava "una quantità imbarazzante di effetti visivi". Bene, sembrerebbe che una parte cruciale del costume di Homelander sia stata realizzata quasi sempre al computer.

La terza stagione dello show creato da Eric Kripke a partire dai fumetti di Garth Ennis e Darick Robertson si è da poco conclusa, ma gli spettatori di tutto il mondo già aspettano una data di uscita per The Boys 4, nonché il primo spinoff live action Gen V di recente annuncio e d’ambientazione universitaria. Ma ora, come di consueto, è il momento delle varie interviste che ci riveleranno i retroscena più impensabili sulla serie. Uno di questi è la scoperta di un uso massivo di effetti visivi per il costume di Homelander.

Impensabile forse no, ma si tratta comunque di una sorpresa per una serie che si è sempre vantata, a più riprese, di utilizzare quanti più effetti e costumi di scena possibili, ricreando interi corpi smembrati a suon di manichini e sangue finto. Quel dettaglio nel costume di Homelander è il suo iconico mantello con la bandiera a stelle e strisce, forse uno dei simboli più importanti di The Boys. Lo rivela infatti il supervisore degli effetti visivi Stephan Fleet ai microfoni di Corridor Crew: "Abbiamo dovuto aggiungere il mantello di Patriota gran parte delle volte. Finisce per essere quasi sempre in CGI. Ogni volta che fa qualcosa di pazzesco come volare o usare i cavi o qualcosa del genere, gli togliamo il mantello e andiamo di CGI. Vogliamo controllarne la fisica quando vola perché è un grande indizio per il modo in cui si muove il vento".

Quando ComicBook aveva parlato con Fleet nel lontano 2020, questi aveva ricordato come la collaborazione tra effetti pratici (SFX) ed effetti visivi (VFX) sia fondamentale nello sviluppo di qualsiasi serie o film: "Abbiamo lavorato così bene insieme e uno dei motivi per cui penso che lo show abbia l'aspetto che ha è che siamo in grado, con molte sequenze, di avere effetti pratici al 75% ed effetti visivi al 25% o al massimo 50 e 50. Non come il 10% di effetti visivi pratici e il 90% di VFX. Quello di cui le persone al di fuori del settore potrebbero non rendersi conto è che gran parte di questo richiede molto più tempo sul set. Per un sacco di show è molto facile dirsi: ‘Faremo tutto a effetto visivo per risparmiare un’infinità di tempo sul set’. Ma in questo show non lo facciamo, ci assicuriamo di lottare affinché tutti abbiano il tempo di fare le cose al meglio”.

FONTE: Corridor Crew
Quanto è interessante?
3