The Boys Diabolical 2, arriverà un'altra stagione dell'eccellente serie animata?

The Boys Diabolical 2, arriverà un'altra stagione dell'eccellente serie animata?
di

Sembrava nato come un folle esperimento se non addirittura un tappabuchi per ammazzare l'attesa, ma The Boys: Diabolical ha semplicemente sfondato su Prime Video. L'amore di critica e pubblico e quel punteggio perfetto su Rotten Tomatoes potrebbero assicurargli la seconda stagione. Ma le cose sono più complicate.

Il gigante di Amazon deve aver scommesso grandi cifre su una serie importantissima di Prime Video, che però in termini di ascolti – e soprattutto di punteggio di critica – potrebbe impallidire di fronte a un titolo nato quasi per caso, estremamente marginale rispetto alla serie capolavoro cui faceva capo. Eppure, capace di fidelizzare ogni tipo di pubblico: sia i fan di lunga data del live-action originale, sia gli amanti dell’anime più irriverente, sul quale Amazon ha di recente fatto centro anche con The Legend of Vox Machina. Stiamo parlando di Diabolical, spin-off animato di The Boys.

Si attendeva con ansia l’uscita della terza stagione dello show creato da Erik Kripke a partire dal fumetto di Garth Ennis e Darick Robertson, uno dei più violenti e sanguinari di tutto l’universo DC Comics e forse di tutto il panorama dei cinecomic in generale. Ma l’attesa si è fatta molto più dolce quando Amazon ha distribuito gli otto episodi di Diabolical. Tre le parole chiave per descriverli: cortometraggi, animati, antologici. Il titolo ha avuto l’intuizione geniale di chiamare alcuni dei più noti autori e art directors del panorama dell’animazione per creare una serie di corti - con stili sempre nuovi, un po' come Love, Death & Robots - che avrebbero riempito gli spazi vuoti della prima e della seconda stagione dello show principale.

È evidente come lo show nasca con propositi da miniserie, senza voler rubare la scena allo show principale. Quasi, appunto, un tappabuchi per riempire l’attesa fra la seconda e la terza stagione di The Boys. Ma forse, per una volta, l’errore di valutazione Amazon l’ha fatto in positivo, forse non aspettandosi un tale successo. Due, quindi, i fattori tra loro contrastanti che potrebbero ora smentire, ora spingere a una seconda stagione. Il primo, appunto, è il format autoconclusivo, che può sì prestarsi a un seguito, ma raramente decide di farlo. Dall’altro, invece, il clamoroso successo, che potrebbe spingere Amazon a ritentare l’esperimento visti anche i costi inferiori delle animazioni sui live-action e vista la durata ridottissima delle storie: fra i 12 e i 14 minuti a episodio.

Tutto, come sempre, dipenderà dagli ascolti: se fossero davvero ottimi, Amazon potrebbe ufficializzare una seconda stagione sulla quale, per ora, tutti gli insider tacciono. Lo showrunner ha anche rivelato che il titolo e le storie che racconta sono canonici e per quanto riguarda le tempistiche, basterebbe aspettare l’esito della terza stagione in arrivo dal 3 giugno. Questi primi episodi di Diabolical si inseriscono infatti nel passato di quanto abbiamo già visto, a cavallo fra la prima e la seconda stagione, senza anticipare nulla. Lo stesso potrebbe fare un rinnovo ambientato a partire dalla terza.

Quanto è interessante?
2