The Crown, la morte di Diana sta diventando un caso: le critiche alla serie

The Crown, la morte di Diana sta diventando un caso: le critiche alla serie
di

La prima parte di episodi della sesta e ultima stagione di The Crown è approdata su Netflix da poco più di una settimana e come era prevedibile sono arrivate le polemiche sulla morte di Diana. In particolare, i fan si sono infuriati per la rappresentazione della Principessa del Galles dopo la morte, con lo spirito che perseguita la famiglia reale.

Secondo quanto riportato da Deadline, Dickie Arbiter, che ha lavorato per la Regina Elisabetta II durante il periodo ritratto nella sesta stagione di The Crown, avrebbe accusato il creatore della serie Peter Morgan di "licenza drammatica fuori controllo", criticando in particolare le scene in cui la morte di Diana viene comunicata ai figli.

"La sequenza in cui Charles comunica ai figli la morte della madre è stata così insensibile e non necessaria", ha detto Arbiter. "La morte della madre è ancora fresca per entrambi. Le scene tra Carlo e sua madre, in cui lui ha sbottato dicendo che lei voleva che Diana tornasse in un furgone di Harrods, erano assolutamente insensate. Non è andata così. Naturalmente sarebbe stato messo a disposizione un aereo [per riportare a casa la salma dalla Francia]. La Regina fu la prima ad acconsentire".

Arbiter ha commentato anche altre scene, in particolare quelle riguardanti i preparativi per il funerale di Diana. La serie racconta che fu la Regina a decidere che il funerale di Diana dovesse essere pubblico, mentre Arbiter afferma che in realtà fu un'idea del fratello di Diana.

"Ero il responsabile dell'organizzazione dei media per quella settimana", ha detto Arbiter, "Charles Spencer pensava che, poiché Diana era un personaggio pubblico, perché era molto popolare e la gente l'adorava, il funerale sarebbe dovuto essere qualcosa gestito dalla famiglia reale per renderlo un evento pubblico piuttosto che un evento privato della famiglia".

In precedenza, i produttori esecutivi Andy Harries e Suzanne Mackie avevano parlato di come la serie avrebbe affrontato la morte della Principessa Diana nella sesta stagione.

"Lo show potrebbe potrebbe anche sollevare un polverone e risultare chiassoso, ma noi non lo siamo", ha detto Mackie. "Siamo persone riflessive e sensibili. Ci sono state conversazioni molto attente e lunghe su come dovevamo rappresentarla".

"Il pubblico lo giudicherà alla fine, ma credo che sia stato ricreato in modo delicato e ponderato", aveva continuato Mackie. "Elizabeth Debicki è un'attrice straordinaria ed è stata così premurosa e attenta. Amava Diana. C'è un enorme rispetto da parte di tutti noi, spero sia evidente".