The Flash 4: c'è un Easter Egg a tema Justice League nell'episodio 2

di

L'articolo che segue contiene anticipazioni sul secondo episodio della quarta stagione di The Flash , la serie tv dedicata al Velocista Scarlatto in onda su CW ogni martedì.

La nuova tuta di Barry è piena di gadget e trucchi, certo ma non solo: c'è un Easter Egg che arriva direttamente da una nota storia dei fumetti relativa alla Justice League: La Torre di Babele.

I fan della serie CW hanno passato tutta l'estate a domandarsi se Barry Allen sarebbe tornato dalla Speed Force e non hanno dovuto aspettare a lungo per avere la risposta: Flash è tornato ed è più in forma che mai. Naturalmente, non poteva mancare l'upgrade del costume, costruito durante la sua assenza di sei mesi.

E comunque, non sempre nuovo significa migliore; in Mixed Signals (il nuovo episodio), Cisco si rende conto che le migliorie apportate al costume di Barry (Grant Gustin) non stanno funzionando al meglio e anzi, gli si ritorcono addirittura contro!

Tra i vari "upgrade" ci sono il controllo della temperatura, lo spegnimento automatico del fuoco, dei cannoni espulsori in grado di far uscire il velocista da una battaglia in un attimo e, per chi presta attenzione ai dettagli, il Protocollo Babele. Lo si vede sul tablet di Cisco e in molti lì per lì hanno pensato che potesse essere un aiuto per Barry con, chissà, le lingue straniere (se si fa riferimento alla Torre di Babele della Bibbia) ... Invece, non appena il protocollo viene attivato, il riferimento non è alle Sacre Scritture, bensì a Batman!

Nello specifico, alla storia scritta da Mark Waid nel 2000, JLA: Tower of Babel che si focalizza non tanto sull'aspetto linguistico della Tore di Babele biblica, bensì sull'idea degli uomini che cercano di spingersi troppo oltre e giocare a fare Dio. Il villain della storia è Ra’s al Ghul, ma tutto quanto avviene è "colpa" di Batman che, conscio del pericolo che un gruppo di supereroi come quelli presenti nella Lega può potenzialmente rappresentare (se gli stessi decidessero di votarsi al male), progetta dei piani per fermare ognuno dei membri colpendone i punti deboli.

Nella versione televisiva dedicata a Flash è Cisco che pensa alle conseguenze che l'arrivo di un eventuale Barry malvagio potrebbe provocare e gioca il ruolo di Batman, in questo episodio della serie. Nonostante quindi le sue intenzioni siano buone, alla fine dovremo capire quale sarà il peso emotivo che la decisione (l'agire preventivamente per fermare l'amico), porterà con sé e se Barry e il resto del team si sentiranno o meno traditi da Vibe come i membri della Lega dal Cavaliere Oscuro...

Chissà.

The Flash 4 torna tutti i martedì su CW.

Quanto è interessante?
5