The O.C.: Mischa Barton racconta la verità sull'uscita di scena di Melissa Cooper

The O.C.: Mischa Barton racconta la verità sull'uscita di scena di Melissa Cooper
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Melissa Cooper è senza dubbio la protagonista di uno dei momenti più spiazzanti e memorabili di The O.C., e ora la sua interprete Mischa Barton è tornata a parlare dei motivi per cui decise di abbandonare la serie dopo la terza stagione.

Durante un'intervista con E!Online, l'attrice ha rivelato che gran parte dei problemi erano iniziati con l'aggiunta all'ultimo minuto di Rachel Bilson nel cast, che generò delle discussioni sul compenso degli attori, e con alcune situazioni di bullismo avvenute sul set.

"A metà della seconda stagione, più o meno, abbiamo iniziato a raddoppiare gli episodi e le riprese sono diventate molto più impegnative, e per me era davvero troppo" ha dichiarato l'interprete. "Non sapevo dove stesse andando il personaggio. Ci ripenso con affetto, ma penso che ci siano stati degli errori nel modo in cui è stata gestita. Quindi, semplicemente non mi sentivo in grado di andare avanti."

L'attrice ha poi spiegato il principale motivo che la spinse a lasciare la serie, ovvero ottenere un ruolo da protagonista sul grande schermo: "È stato già detto in precedenza, ma mi hanno dato un'opzione. I produttori mi hanno detto 'Bene, puoi svanire al tramonto e tornare potenzialmente in futuro in qualche bizzarro scenario televisivo, oppure possiamo uccidere il tuo personaggio e puoi continuare la tua carriera. Cosa vuoi fare?' All'epoca ricevevo tante offerte da grandi film che dovevo rifiutare. Avevo sempre interpretato personaggi di supporto come ne Il Sesto Senso e altri titoli. Ma il mio sogno era quello di ottenere ruoli principali, perciò è quello che è accaduto. Sembrava che fosse la cosa migliore per me e per la mia salute, semplicemente perché a quel punto non mi sentivo davvero protetta dal cast e dalla troupe."

Per altri approfondimenti, vi lasciamo a 10 segreti e curiosità di The O.C. che potreste non conoscere.

Quanto è interessante?
2