The Orville non sarà più The Orville? Cosa cambia nel passaggio a Hulu (e perché)

The Orville non sarà più The Orville? Cosa cambia nel passaggio a Hulu (e perché)
di

L'acquisizione record di Fox da parte di Disney per la cifra di 71 miliardi è una delle fusioni più grosse nella storia dell'intrattenimento, che porterà nella Casa di Topolino tantissime proprietà intellettuali. Fra le molte di Seth MacFarlane anche The Orville. C'è da temere che l'umorismo tagliente venga snaturato dalla Disney?

All’indomani dell’acquisizione, sono state molte le polemiche mosse nei confronti della Disney nel suo desiderio quasi spasmodico di riattaccare il respiratore – si veda il discusso revival di Futurama – a prodotti che sembravano chiusi da un pezzo (anche giustamente). Ma più di tutto si teme per quei tanti titoli Fox caratterizzati da un umorismo e una satira quasi politicamente scorretta, per gli schermi di Disney. Ma per fortuna c’è Hulu, che sembra essere diventata la casa pronta ad accogliere tutto ciò che non possa essere considerato family friendly o comunque in punta di fioretto.

Non dovrebbe preoccupare troppo, quindi, l’arrivo della serie di Seth MacFarlane su Hulu, rispetto alla quale il comico ha speso ottime parole nel passaggio di The Orville da Fox a Disney. Ora ha anche commentato le ragioni dietro la principale modifica in arrivo con questa terza stagione, che invece verrà presentata come una sorta di nuova serie dal titolo The Orville: New Horizons. Spiega MacFarlane ai microfoni di Collider: “L'aggiunta di un sottotitolo è stata in realtà un'idea di Dana Walden, Presidente della Disney General Entertainment Content. E ho pensato che fosse bello perché non è un riavvio , è una continuazione, ma era appena sufficiente per dire al pubblico che ci stiamo espandendo un po'. Che la portata è più ampia. Lo spettacolo è più ambizioso".

Continua Seth MacFarlane: “Sembrerà più un film. Forse sembrerà un po' più speciale. E sembrava appropriato anche perché sono passati alcuni anni da quando siamo andati in onda e ora che ci siamo trasferiti su Hulu sarà una serie di 10 episodi anziché 13. Immagino che non sia una grande differenza. Dal punto di vista della narrazione, è molto meglio per me perché il problema più grande che ho con, in particolare, la prevalenza della programmazione in streaming, è che devi ridurre tutto esattamente a 43 minuti. Non è così che funziona la narrazione. Non è così. Non tutte le storie vogliono avere la stessa durata, potresti dover ridurre qualcosa che in realtà non dovrebbe essere ridotto. Per uno spettacolo come questo, prendersi il tempo per creare l'atmosfera è qualcosa che non puoi fare su una rete perché sei così vincolato da questo limite di tempo. Questa, per me, è stata la cosa più soddisfacente del trasloco".

I nuovi mezzi messi a disposizione da Hulu permetteranno infatti un’estensione degli episodi, un tono più drammatico e un accesso maggiore ai comparti VFX e CGI.

Quanto è interessante?
1