The Punisher a Capitol Hill, Joe Bernthal si dissocia: 'Non è ciò per cui combatte Frank'

The Punisher a Capitol Hill, Joe Bernthal si dissocia: 'Non è ciò per cui combatte Frank'
di

I personaggi di fantasia nascono spesso per incarnare ideali di vario genere, correndo però spesso il rischio che questi vengano più o meno travisati ed utilizzati per il tornaconto di questa o quella corrente di pensiero: qualcosa di molto simile, ad esempio, è accaduto durante l'assalto a Capitol Hill con The Punisher.

Nel marasma di sostenitori di Donald Trump che ha invaso il Campidoglio alcuni giorni fa, infatti, è saltata inevitabilmente all'occhio una bandiera che ritraeva il volto piuttosto riconoscibile di The Punisher, il personaggio a cui Joe Bernthal diede volto nella serie prodotta da Marvel e Netflix.

Un binomio, quello composto da Frank Castle e Donald Trump, che più di un fan non ha visto di buon occhio, come dimostra la fan-art apparsa in queste ore su Twitter per ribadire che l'eroe Marvel nulla ha a che fare con gli ideali dei sostenitori del presidente uscente. Una posizione, quest'ultima, appoggiata dallo stesso Joe Bernthal: "Sono con te. Splendido lavoro. Queste sono persone disorientate, sole e impaurite. Non hanno nulla a che vedere con ciò per cui combatte Frank" ha scritto l'attore in risposta all'autore della fan-art di cui sopra.

Già nei mesi scorsi Bernthal si schierò contro l'utilizzo del teschio di The Punisher da parte della polizia USA; politica a parte, comunque, l'attore si è detto disponibile a tornare per una terza stagione di The Punisher.

Quanto è interessante?
2