The Walking Dead: Daryl Dixon, spiegazione del finale della prima stagione

The Walking Dead: Daryl Dixon, spiegazione del finale della prima stagione
di

Nella notte è andato in onda il finale della prima stagione di The Walking Dead: Daryl Dixon, spin-off della serie principale che ha visto il personaggio interpretato da Norman Reedus catapultato in Francia alla ricerca di risposte e anche di un modo per tornare a casa. In mezzo una avventura affascinante e una reunion annunciata per la Stagione 2.

Nel corso dell'episodio finale, Daryl combatte i brûlants, i bruciatori dal sangue acido, nell'arena che Genet ha allestito per la Giornata di De Gaulle, che segna la rinascita e l'ascesa della Sesta Repubblica francese. È incatenato al polso di Quinn (Adam Nagaitis), costringendo l'americano e l'inglese a combattere fianco a fianco per sopravvivere alla prova del walker.

Il medico capo di Genet (François Delaive) inietta ai gladiatori zombie del Pouvoir un siero che potenzia quelli affamati con occhi anneriti e denti affilati. Gli Ampers sono più veloci, più forti e più letali della media dei les affamés, ma gli animali di Genet non riescono a uccidere Daryl e Quinn.

Prima che il Guerrier di Genet possa sparare a Daryl, Fallou (Eriq Ebouaney), Sylvie (Laika Blanc Francard) ed Emile (Tristan Zanchi) scatenano la rivoluzione, permettendo a Daryl e Quinn di fuggire nel caos.

Nei corridoi della Maison Mère, Daryl nota una ferita sulla scapola di Quinn che, secondo lui, è stata causata dal tocco del brûlant. Nel frattempo, Genet imprigiona Isabelle e Laurent. Mentre Quinn soccombe alla ferita, si pente di aver trattato Isabelle e di aver usato Laurent, suo figlio, per cercare di riaverla. A questo punto, Daryl usa una cintura come laccio emostatico e recide la mano ammanettata di Quinn con un taglio netto. Quinn insegue il Guerrier, dando a Daryl il tempo di incontrarsi con i combattenti di Fallou prima di trovare Isabelle e Laurent intrappolati dall'altra parte di un cancello.

Il Quinn zombificato attacca Isabelle. Passando a Laurent la sua lama attraverso il cancello, Daryl gli dice che può salvarla. "Dio ti perdonerà", dice Daryl al ragazzo, che mette a terra il padre rianimato. Più tardi, Daryl, Isabelle, Laurent e Sylvie si dirigono verso Mont-Saint-Michel, in Normandia: al Nido.

Al Nido, gli abitanti de L'Union accolgono Laurent come il messia che credono sia. Daryl incontra il loro capo, il monaco buddista Losang (Joel De La Fuente), un parigino nato a Hoboken e trapiantato a Parigi che ha viaggiato in Europa come studente negli anni Novanta. Daryl avverte Losang che Genet sta per arrivare.

"Ho una famiglia che mi aspetta a casa", dice Daryl all'offerta di Losang di rimanere al Nido. "Beh", ribatte il monaco, "qui ci sono persone che sperano che tu rimanga". Daryl dice che non è così facile e che il Pouvoir non è la sua battaglia. Losang ha fiducia che Daryl riuscirà a tornare a casa, ovunque essa sia. Il suo viaggio lo porta a trovare una bandiera americana malconcia in un cimitero dedicato ai combattenti per la libertà morti sulle coste della Francia. Perlustrando le lapidi, Daryl la trova: WILLIAM T. DIXON. P.V.T. 490 INF 23 DIV. GEORGIA. 6 GIUGNO 1944. Daryl è sopraffatto dall'emozione. E poi la vede: la barca per tornare a casa.

America. La moto di Daryl sfreccia sulla strada di Freeport, nel Maine. Il pilota è... qualcuno che non conosciamo. All'inseguimento c'è una Mustang d'epoca. È Carol (Melissa McBride). "Sto cercando un mio amico", dice Carol. "Si chiama Daryl Dixon. Quella che stai guidando è la sua moto".

Il motociclista dice di averla trovata. "Ne è sicuro? Ho fatto molta strada per rintracciarlo", dice Carol, disarmando l'uomo quando fa per aprire il suo baule. Carol lo spinge dentro il bagagliaio e lo costringe a confessare: giura su Dio di averla scambiata con "alcuni tizi" accampati lungo la strada a pochi chilometri da una vecchia stazione di servizio. "Se stai mentendo, non tornerò". Carol chiude il bagagliaio e parte con la moto di Daryl, passando davanti a un cartello che recita: "Benvenuti a Freeport, Maine. Popolazione: MORTI".

Sappiamo già che Daryl e Carol si riuniranno nella seconda stagione; le riprese di Daryl Dixon 2 sono pronte a ripartire dopo gli scioperi degli ultimi mesi.

Questa, tuttavia, sarà intitolata The Walking Dead: Daryl Dixon - The Book of Carol.