Netflix

The Woman in the House, Kristen Bell rivela: "Dovevo recitare male apposta"

The Woman in the House, Kristen Bell rivela: 'Dovevo recitare male apposta'
di

Nella giornata di oggi ha fatto il suo esordio in streaming La donna nella casa di fronte alla ragazza dalla finestra, serie con protagonista Kristen Bell che prende in giro il genere thriller psicologico cavalcato anche dalla piattaforma streaming ad esempio con prodotti quali il film La donna alla finestra, cui lo stesso titolo fa riferimento.

Nel corso di una recente intervista, Kristen Bell ha spiegato come in alcuni momenti le sembrava di aver fornito una prova pessima come attrice: "Stiamo prendendo di mira quel genere, è divertente ma è anche pieno di cliché, e ci prendiamo gioco di quello. In alcuni momento mi rivolgevo al regista e allo sceneggiatore chiedendo: 'Vado bene?'. Come attrice voglio che tutto sembri reale e autentico il più possibile ma devi metterti davvero al servizio di questo genere, perché non sei al comando come attore ma è il genere stesso ad esserlo. Devi solo recitare le parole che sono sullo script. Ci sono delle persone dietro i monitor che si assicurano che tu stia facendo un buon lavoro. Qualche volta sentivo di recitare davvero male e poi ho capito che era quello di cui la serie aveva bisogno. Aveva bisogno di una buona, brutta recitazione".

Per convincere il pubblico a seguire la serie, Bell ha poi continuato dicendo che la sua recitazione doveva essere un po' più seria nel corso dei primi episodi: "Di sicuro è più autentica che satirica. Ero confusa dal fatto di poter riuscire a ottenere quel tono perché i primi episodi sono molto sinceri, poi una volta che lo spettatore è catturato dalla suspense arrivano le assurdità".

Come abbiamo visto dal trailer di La donna nella casa di fronte alla ragazza dalla finestra, al centro c'è Anna (interpretata dalla Bell), una ragazza dal cuore spezzato le cui giornate si susseguono una uguale all'altra: Anna passa il tempo seduta di fronte alla finestra a bere vino, guardando le vite degli altri scorrere. Quando dall'altra parte della strada si trasferisce un affascinante vicino (Tom Riley) con la sua adorabile figlia (Samsara Yett) Anna inizia a vedere la luce in fondo al tunnel. Almeno finché non assiste a un brutale omicidio... o così crede.

FONTE: TVLine
Quanto è interessante?
1