Tokyo Vice nei guai: i fatti raccontati dal libro che ha ispirato la serie sono inventati?

Tokyo Vice nei guai: i fatti raccontati dal libro che ha ispirato la serie sono inventati?
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Tokyo Vice di HBO Max è stato un grande successo di pubblico sulla piattaforma di streaming on demand, ma dopo la conclusione della sua prima stagione l'autore Jake Adelstein è finito sotto l'occhio dei media.

Per chi non lo sapesse la serie tv con Ansel Elgort e Ken Watanabe è tratta dal libro 'Tokyo Vice: An American Reporter on the Police Beat in Japan', un memoriale in cui Adelstein (vero giornalista interpretato nella serie dalla star di Baby Driver e West Side Story) racconta la storia vera delle sue indagini sulla yakuza giapponese nella Tokyo degli anni '90. Tuttavia una nuova inchiesta dell'Hollywood Reporter pubblicata nelle scorse ore ha rivelato che molte persone nella cerchia di Adelstein, sia personaggi menzionati nel libro che esperti in materia, hanno messo in dubbio la veridicità delle sue memorie.

Ad esempio, uno dei tanti dettagli messi in discussione è l'idea che Jake Adelstein sia andato sotto copertura nella yakuza mentre lavorava per il quotidiano di Tokyo, il 'The Yomiuri Shimbun'. Le storie dei suoi reportage sotto copertura sono una parte essenziale della fama accumulata dal giornalista, ma il collega di Adelstein, Naoki Tsujii, dubita che abbia mai fatto una cosa del genere. "Non c'è assolutamente modo che un giornalista dello Yomiuri possa andare sotto copertura: anzi un giornalista non si sognerebbe nemmeno di chiedere al proprio capo il permesso di farlo", ha detto Tsujii. “In Giappone nemmeno la polizia fa delle vere e proprie operazioni sotto copertura, è una pratica fondamentalmente illegale e le prove non possono essere raccolte in questo modo. E anche se recentemente ci sono state alcune riforme legali da questo punto di vista, all'epoca dei fatti lo Yomiuri era molto severo su questo genere di cose."

Dal canto suo, Adelstein insiste che la sua storia è autentica: “Non ci sono regole in questo campo, per ottenere informazioni si lavora con ogni mezzo possibile". Comunque, per tirarsi fuori dall'imbarazzo della situazione, il team creativo della serie si è affrettato a sottolineare che la veridicità storica degli eventi non era in cima alle priorità di Tokyo Vice: "Nella nostra serie abbiamo preso tanti eventi raccontati nel libro e li abbiamo abbelliti a nostro piacimento, e molte cose le abbiamo inventate di sana pianta" ha affermato il produttore esecutivo John Lesher. “Che ciò che viene raccontato nel libro sia vero o meno non spetta a noi dirlo, dovreste parlarne con lui e con le persone che vengono raffigurate nel libro. Noi non c'eravamo".

Per altri approfondimenti guardate il trailer ufficiale di Tokyo Vice: la serie non ha ancora una data d'uscita in Italia, quindi rimanete sintonizzati per ogni aggiornamento.

Quanto è interessante?
2