di

Dallo scorso venerdì è in streaming il finale di WandaVision e, sebbene l'ultimo episodio sia il peggiore secondo Rotten Tomatoes, i fan hanno già iniziato a sentirsi "orfani" della serie con Elizabeth Olsen. A quanto pare, le contingenze legate alla pandemia ci hanno privato di alcune scene che avrebbero reso più completa e spettacolare la storia.

Lo ha raccontato il regista Matt Shakman, intervenuto al podcast Fatman Beyond di Kevin Smith e Marc Bernardin. Il lavoro ai tempi del Covid, ha raccontato, non ha consentito alla troupe di realizzare WandaVision come inizialmente previsto. Lo stesso ultimo episodio è stato terminato appena due settimane prima della pubblicazione.

Per il finale, in particolare, avrebbe dovuto esserci una sottotrama dedicata ai gemelli di Wanda e Visione che, insieme a Monica, Darcy e Ralph Bohner, cercavano di rubare il Darkhold dal sotterraneo di Agatha Harkness. Tra le altre scene che ci siamo persi, inoltre, c'è la rivelazione che Scratchy, il coniglio di Agatha, era in realtà un demone.

Matt Shakman è tornato poi sul riferimento all'ingegnere aerospaziale, per il quale aveva già fatto mea culpa nei giorni scorsi, spiegando che una scena che avrebbe dovuto chiarire il "mistero" è stata eliminata quando il pubblico ha iniziato a speculare sull'arrivo di Reed Richards.

Dopo WandaVision i fan vogliono rivedere Agatha Harkness nel MCU, mentre sappiamo già che Wanda Maximoff / Scarlet Witch sarà in Doctor Strange 2. Se non l'hai ancora fatto, intanto, puoi dare un'occhiata alla nostra recensione finale di WandaVision.

Quanto è interessante?
4