Watchmen, il cast parla dell'evento storico che ha ispirato la serie tv

Watchmen, il cast parla dell'evento storico che ha ispirato la serie tv
di

L'acclamata Watchmen, come sappiamo, ha incantato pubblico e critica da quando è stato lanciato alla fine del 2019, lasciando senza fiato per la produzione eccellente che l'ha resa una delle più belle serie tv degli ultimi anni.

Damon Lindeloff ed altri membri del cast hanno presieduto ad una tavola rotonda di Variety in cui il tema centrale era la questione razziale collegata allo show HBO, con particolare riferimento al citato Massacro di Tulsa del 1921, città dell'Oklahoma in cui è ambientata la serie tv.

Il cambio di ambientazione, dice Lindeloff, è avvenuto proprio successivamente all'apprendimento dei fatti degli Anni Venti a Tulsa, nella "Black Wall Street", come veniva chiamato il quartiere di Greenwood per via delle ricche attività commerciali afroamericane in quell'epoca: "Quando ho sentito parlare per la prima volta del massacro, sono stato sopraffatto da due cose. Il primo è stato solo l'orrore puro di ciò che è realmente accaduto nel 1921 [...] Ma la cosa più scioccante è che non ne avevo mai sentito parlare. E penso che il danno più significativo fatto nel corso del secolo scorso [...] sia stato cancellarlo dalla storia. Quindi sapevo che se ne avessimo parlato, sarebbe stato il fondamento di tutto lo spettacolo".

Jean Smart, che interpreta l'agente FBI Laurie Blake, ha riferito: "Ero inorridita di non averne mai sentito parlare. E' stato sorprendente per me che un evento di questo genere possa essere accaduto così di recente e non averlo mai appreso a scuola. Quindi il fatto che il nostro show abbia potuto educare le persone su quanto è successo è molto significativo".

Anche lo stile delle riprese è stato influenzato dall'evento storico del 1921, ed esempio durante l'episodio 6, Lindeloff spiega: "La parte in bianco e nero - tutto risale a Tulsa. L'idea era che nei ricordi di Tulsa ci fosse una vivacità che stava facendo breccia nella storia delle origini che Will voleva raccontare ad Angela. Ci siamo chiesti in che modo potevamo rappresentarlo, come potevamo dire che Will, sebbene avesse 25 anni, era ancora ossessionato da questo trauma. Fu allora che Stephen pensò che quei ricordi dovevano essere a colori e tutto il resto doveva essere in bianco e nero".

E proprio per il forte peso sociale rappresentato all'interno dello show, Watchmen è una delle 10 serie tv contro il razzismo, e dopo gli eventi del Black Lives Matter la città di Tulsa di è rivoltata contro Trump.

FONTE: Variety
Quanto è interessante?
2