Watchmen, Don Johnson parla della serie di Lindelof

Watchmen, Don Johnson parla della serie di Lindelof
di

Durante un podcast, Don Johnson, l'interprete di Chief Judd Crawford nella nuova serie di HBO, Watchmen, di cui si sono da poco concluse le riprese della prima stagione, parla della sua esperienza sul set e del genio di Damon Lindelof.

Al Deep Cut Podcast, Don Johnson racconta il suo ultimo progetto televisivo.

Visto l'argomento, è immancabile la domanda di rito per sciogliere il ghiaccio: Quanto conosceva la graphic novel di Alan Moore e Dave Gibbons da cui trae ispirazione (a modo suo) la serie?

"[La graphic novel di Watchmen] è iconica. E' probabilmente LA classica graphic novel. Tutti vi fanno riferimento quando parlano di testi base del genere fumettistico e cose simili. Questa seri è oltre i fumetti" afferma l'attore.

Prosegue poi parlando di Damon Lindelof, creatore, sceneggiatore e produttore esecutivo dello show, nonchè suo buon amico, a cui l'attore procurò uno dei suoi primi incarichi di rilievo per la serie Nash Bridges: "Non riuscivamo a credere a quello che Damon avesse fatto con lo show, e quanto fosse fantastico".

E a proposito di ricordi, Don ha voluto parlare della sua esperienza sul set e di come ci si sente a lavorare con un'attrice come Regina King: "Ci sono alcuni attori con cui riesci a connettere fin dall'inizio, mentre con altri servono più tempo e sforzi per trovare una connessione, ma alla fine ci riesci. Con Regina è stato un po' come indossare il tuo paio più comodo e consumato di Levi's. E' un'attrice meravigliosa. Se cerchi qualcuno che riesca a rendere ogni scena più interessante e differente, quella è lei. Mi sono divertito molto a lavorare con lei, e credo anche lei con me. Spero di avere di nuovo l'opportunità di lavorarci insieme, perchè un'attrice davvero molto talentuosa".

Watchmen arriverà presto sui nostri schermi, ma nel frattempo, se volete, potete dare un'occhiata al nostro speciale su cosa possiamo aspettarci da questa nuova, entusiasmante serie targata HBO.

FONTE: Collider
Quanto è interessante?
2