Watchmen, Louis Gossett Jr. parla della serie: "Tutti indossiamo delle maschere"

Watchmen, Louis Gossett Jr. parla della serie: 'Tutti indossiamo delle maschere'
di

Nel corso di una recente intervista con Collider Louis Gossett Jr., interprete di Will Reeves nell'acclamata serie televisiva Watchmen, ha discusso il lavoro di Damon Lindelof nel sequel del celebre fumetto di Alan Moore e Dave Gibbons.

"Non conoscevo questa storia prima che mi fosse proposta. Ma sapevo che quest'uomo geniale, Damon Lindelof, evidentemente aveva ritenuto opportuno includermi nel suo grande sogno. Sono stato molto toccato da questo fatto. È un giovane brillante. Ha fatto tutto questo da solo e lo ha avvolto in un bellissimo pacco regalo da condividere con gli altri. In questa serie ho conosciuto alcune persone fantastiche con cui è stato un piacere lavorare. Ora ne voglio di più. Adoro il personaggio che sto interpretando. È una grande sfida" ha dichiarato l'attore newyorkese classe 1936.

Sui temi del razzismo e delle maschere, due degli argomenti principali dello show, Gossett jr. ha dichiarato:

"Ho una fondazione, chiamata Eracism Foundation, potete trovarla su www.EracismFoundation.org. È lo stesso argomento, sul fatto che indossiamo maschere. Dobbiamo tutti indossare delle maschere per la nostra reciproca sopravvivenza e per mantenere la pace e tutto il resto. Ma ogni giorno prego per il affinché prima o poi ognuno di noi possa togliersi la propria maschera ed essere più onesti con noi stessi e con gli altri. È l'umanità. Non c'è americano, o russo o cinese. È l'umanità che deve essere salvata. Penso che Damon sia d'accordo. È un uomo brillante e scrive cose brillanti. Sono molto felice di averlo incontrato. C'è la maschera, l'idea che tutti devono indossare una maschera, per una ragione o per l'altra. La mia idea personale è che non saremo migliori finché non avremo tutti il ​​coraggio di abbandonare le maschere, per la nostra reciproca salvezza."

Sul modo in cui Damon Lindelof racconta le sue storie:

"Ricordo di aver parlato con tutti i produttori e di avergli detto che non sapevo nulla della storia, e che avrei smesso di leggere le sceneggiature. Erano scioccati da questa cosa, dal fatto che non conoscessi la storia, ma io ho sentito il bisogno di fermarmi perché mi confondevo su come interpretare il personaggio. Mi fido del processo di Damon. Lui si fidava che avrei potuto portare dare tridimensionalità al personaggio con i suggerimenti che mi aveva dato. Ed è fantastico per un attore avere questo. È meraviglioso interpretare questo tipo di personaggio perché hai il pubblico nel palmo della tua mano."

Infine, l'attore ha gettato qualche speranza per il futuro della serie:

"Penso che si parlerà di questa serie per un bel po'. Credo che Damon abbia appena iniziato."

Per altri approfondimenti vi rimandiamo alla recensione dell'episodio 8 di Watchmen e alla durata ufficiale dell'ultima puntata, che andrà in onda nella notte tra domenica 15 e lunedì 16.

FONTE: Collider
Quanto è interessante?
2