Wilson Bethel di Daredevil confessa di essersi "vergognato" in The OC

Wilson Bethel di Daredevil confessa di essersi 'vergognato' in The OC
di

Wilson Bethel, che nella terza stagione di Daredevil ha vestito i panni di Bullseye, ha parlato della sua esperienza sul set di The OC e di come ancora oggi provi una "grande vergogna".

All'epoca, Bethel era agli inizi della sua carriera da attore e la partecipazione a The OC nel 2004 ha rappresentato la prima occasione. La sua apparizione, però, fu abbastanza fugace e Bethel ha confessato che di fatto è stato "licenziato" per essersi presentato in ritardo sul set.

"Ho dormito nonostante diverse sveglie e mi sono presentato con un ritardo di sei ore a quello che non sarebbe dovuto essere il mio ultimo giorno", ha raccontato l'attore a TV Line. Nonostante questo, negli anni successivi Bethel è stato assunto nuovamente dal produttore esecutivo Josh Schwartz per recitare in Hart of Dixie. "Per certi versi è stato un miracolo. Forse ha dimenticato chi fossi".

Bethel, invece, non ha di certo dimenticato quell'episodio: "Ho portato con me in tutti questi anni dopo il fatto, la grande vergogna di quella esperienza. Questa è la mia associazione a The OC". L'attore ha anche rivelato che il suo ruolo nel teen drama sarebbe dovuto essere ricorrente. "Avevo fatto un provino per il ruolo di Ryan (il protagonista di The OC ndr), che ovviamente non ho avuto, ma loro mi hanno portato a quest'altro ruolo. Doveva essere un personaggio ricorrente ma poi gli ho provato che non ero all'altezza del compito".

Wilson Bethel è tra gli attori che sperano ancora di salvare Daredevil, cosa che ha ribadito di recente durante un evento in compagnia di Charlie Cox, il Matt Murdock della serie targata Netflix. Nonostante la cancellazione della serie, Matt Murdock e Jessica Jones potrebbero entrare a far parte del Marvel Cinematic Universe.

Quanto è interessante?
4