WWE, la pandemia cancella Raw e SmackDown in Florida a fine luglio

WWE, la pandemia cancella Raw e SmackDown in Florida a fine luglio
di

Nei mesi scorsi la pandemia di Covid-19 ha costretto la WWE a registrare gli episodi dei vari Raw, SmackDown e Wrestlemania 36 a Orlando in un Performance Center senza pubblico. Nonostante il recente aumento dei casi di coronavirus in Florida, sembrava molto vicino un ritorno alla normalità. Niente da fare, invece, almeno per ora.

A quanto pare, infatti, la WWE aveva prenotato un'arena da ottomila posti a Lakeland, che avrebbe ospitato il 24 e il 27 luglio le registrazioni di Raw e SmackDown, finalmente aperte al pubblico.

I recenti contagi di Covid-19 nel wrestling, però, hanno suggerito cautela e lunedì sera Dave Meltzer ha confermato a Wrestling Observer Radio che i due show sono stati cancellati.

"Le date del 24 e 27 luglio sono state ufficialmente cancellate dalla WWE questo pomeriggio" ha detto il giornalista. "Le persone che avrebbero dovuto lavorare a quegli spettacoli hanno preso la parola questo pomeriggio. Se sono solo rinviati, nessuno lo sa. Tutto è di nuovo saltato, è abbastanza triste. Posso dire soltanto questo."

Lo scorso 15 giugno un tirocinante del Performance Center era risultato positivo al Coronavirus, costringendo la WWE ad annullare le registrazioni per permettere ad atleti e addetti ai lavori di effettuare i test. Tra i contagiati, circa due dozzine tra wrestler e staff, ci sono nomi come quelli di Renee Young, Kayla Braxton, Adam Pearce e Jamie Nobe.

Nei giorni scorsi c'è stato inoltre un pesante attacco di una star anonima alla WWE, che in una email ha criticato la gestione dell'emergenza da parte dell'azienda.

FONTE: comicbook
Quanto è interessante?
1